Esiste la parità di genere nella…

Le ricercatrici italiane …

Infarto: alto consumo di antidol…

L'uso prolungato di cer…

Ricerca: studio italiano fa luce…

Uno studio condotto da un…

Vita attiva: assicura protezione…

Uno stile di vita attivo …

FIBRE ALIMENTARI “Un prezioso al…

Roma,  giugno 2013. Al 73…

La sport-terapia per i mielolesi…

Al Centro Spinale Riabili…

Danni al midollo: trattamento ip…

Un gruppo di scienziati d…

Allarme dolcificanti artificiali…

I risultati di uno studio…

Cure palliative: al nuovo Hospic…

Un attento lavoro d’équip…

Infarto: l'orzo stimola il cuore…

Il segreto è nel beta-glu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione in vitro: maggiore il rischio di aborto con meno ovuli disponibili

Le donne che producono meno ovuli durante un trattamento di fecondazione in vitro hanno un rischio maggiore di abortire, secondo un nuovo studio condotto dal King’s College di Londra e dall’Universita’ di Birmingham che ha seguito 124.351 gravidanze tra il 1991 e il 2008.


Circa il 20 per cento delle gravidanze delle donne che hanno prodotto meno di quattro ovuli dopo la fase di stimolazione ovarica della fecondazione in vitro si e’ concluso con un aborto spontaneo.  I tassi di aborto spontaneo si sono ridotti al 15,5 per cento per le donne che hanno prodotto dai quattro ai nove ovuli e al 13,8 per cento tra le donne che hanno prodotto dai dieci ai quattordici ovuli. Il rischio medio di aborto spontaneo nella popolazione generale e’ del quindici per cento.

Lo studio “Association between response to ovarian stimulation and miscarriage following IVF: an analysis of 124 351 IVF pregnancies” e’ stato pubblicato su ‘Human Reproduction’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x