Studio finanziato da UE per rile…

Coloro che non si fidano …

Leucemie: farmaci in grado di el…

Un team internazionale di…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

L'importanza del sonno sulla mem…

Il sonno rafforza la memo…

Fecondazione in vitro: maggiore …

Le donne che producono m…

Autismo: broccoli, cavolfiori e …

Gli scienziati scoprono c…

Rivoluzione nella terapia del di…

Più libertà, qualità di v…

Tumore alla prostata: la chemiot…

Il tumore della prostata …

Obesità: a Milano la soluzione c…

Presso l’IRCCS Multimedic…

Dati real life, pubblicati su Cl…

Questi risultati si aggiu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione in vitro: maggiore il rischio di aborto con meno ovuli disponibili

Le donne che producono meno ovuli durante un trattamento di fecondazione in vitro hanno un rischio maggiore di abortire, secondo un nuovo studio condotto dal King’s College di Londra e dall’Universita’ di Birmingham che ha seguito 124.351 gravidanze tra il 1991 e il 2008.


Circa il 20 per cento delle gravidanze delle donne che hanno prodotto meno di quattro ovuli dopo la fase di stimolazione ovarica della fecondazione in vitro si e’ concluso con un aborto spontaneo.  I tassi di aborto spontaneo si sono ridotti al 15,5 per cento per le donne che hanno prodotto dai quattro ai nove ovuli e al 13,8 per cento tra le donne che hanno prodotto dai dieci ai quattordici ovuli. Il rischio medio di aborto spontaneo nella popolazione generale e’ del quindici per cento.

Lo studio “Association between response to ovarian stimulation and miscarriage following IVF: an analysis of 124 351 IVF pregnancies” e’ stato pubblicato su ‘Human Reproduction’.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x