[Cordis]Perché i giovani sono pi…

[caption id="attachment_3…

Tessuti vascolari in 3D riprodot…

I circuiti "scolpiti" a 3…

Studio identifica un nuovo gene …

[caption id="attachment_1…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Vedere o sentire: per i neuroni …

Gli schemi di attivaz…

Fondazione Maugeri: nasce la Bio…

Inaugurata la Biobanca ti…

Alzheimer: diagnosi precoce graz…

I primi sintomi dell'Alz…

Teva: 6 siti produttivi e progra…

“The Italian-Israeli Bu…

Epilessia: causa misteriosa nei …

Grazie a una nuova tec…

Declino cognitivo: semplice test…

Con un semplice esame d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione in vitro: maggiore il rischio di aborto con meno ovuli disponibili

Le donne che producono meno ovuli durante un trattamento di fecondazione in vitro hanno un rischio maggiore di abortire, secondo un nuovo studio condotto dal King’s College di Londra e dall’Universita’ di Birmingham che ha seguito 124.351 gravidanze tra il 1991 e il 2008.

Circa il 20 per cento delle gravidanze delle donne che hanno prodotto meno di quattro ovuli dopo la fase di stimolazione ovarica della fecondazione in vitro si e’ concluso con un aborto spontaneo.  I tassi di aborto spontaneo si sono ridotti al 15,5 per cento per le donne che hanno prodotto dai quattro ai nove ovuli e al 13,8 per cento tra le donne che hanno prodotto dai dieci ai quattordici ovuli. Il rischio medio di aborto spontaneo nella popolazione generale e’ del quindici per cento.

Lo studio “Association between response to ovarian stimulation and miscarriage following IVF: an analysis of 124 351 IVF pregnancies” e’ stato pubblicato su ‘Human Reproduction’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!