Proteina in grado di riconoscere…

Rivelato il meccanismo mo…

AIDS: nelle scimmie una proteina…

[caption id="attachment_8…

Ictus ischemico: prima volta cur…

[caption id="attachment_1…

L'estinzione di massa ha aiutato…

[caption id="attachme…

Il beneficio dei probiotici nei …

Somministrare probiotici …

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

Giornata Mondiale per l’Igiene d…

Il 5 maggio è la Giornata…

Sclerosi Multipla: basterà un pr…

Identificare la sclerosi…

Tumore rettale: primo intervento…

Londra, 30 nov. - Un pazi…

Trapianti di organi tra viventi …

Via libera dal Senato all…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insonnia: studiate le differenze cerebrali legate al disturbo

Le persone che soffrono di insonnia presentano differenze cerebrali correlate al disturbo, secondo un nuovo studio neurologico promosso dalla Johns Hopkins University School of Medicine.


La ricerca ha dimostrato che l’insonnia cronica aumenta plasticita’ e attivita’ in un’area del cervello che controlla i movimenti.insonnia “L’insonnia non e’ un disturbo notturno – ha spiegato Rachel Salas, autrice della ricerca – ma una condizione cerebrale di ventiquattro ore, come un interruttore della luce sempre acceso. La nostra indagine aggiunge informazioni in piu’ sulle differenze cerebrali associate alla patologia del sonno”.

La corteccia motoria nei pazienti affetti da insonnia cronica e’ apparsa piu’ adattabile ai cambiamenti – piu’ plastica – rispetto a quella degli individui che dormono bene. E non solo: i neuroni degli insonni mostrano maggiore eccitabilita’ nella stessa regione cerebrale, dato che conferma l’idea che gli insonni vivono in un costante e rafforzato stato di elaborazione delle informazioni che interferisce con il sonno. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Sleep’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x