La Cattolica si distingue per la…

Staminali adulte del cerv…

Tumore al polmone: terapie molec…

Fino a qualche anno fa un…

Cancro al seno: le verdure nella…

Una dieta che comprenda b…

Test cancro prostata: in arrivo …

[caption id="attachment_1…

[1. SIN] Parkinson: Terapia prec…

Prof. Aldo Quattrone, P…

La leptina, ormone che inibisce …

I risultati portano a ipo…

Pediatria: boom di malattie inte…

Boom di ‘Mici’ tra i bamb…

Danni al midollo: trattamento ip…

Un gruppo di scienziati d…

Le Società scientifiche della di…

TANTE LE CRITICITÀ E LE C…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insonnia: studiate le differenze cerebrali legate al disturbo

Le persone che soffrono di insonnia presentano differenze cerebrali correlate al disturbo, secondo un nuovo studio neurologico promosso dalla Johns Hopkins University School of Medicine.


La ricerca ha dimostrato che l’insonnia cronica aumenta plasticita’ e attivita’ in un’area del cervello che controlla i movimenti.insonnia “L’insonnia non e’ un disturbo notturno – ha spiegato Rachel Salas, autrice della ricerca – ma una condizione cerebrale di ventiquattro ore, come un interruttore della luce sempre acceso. La nostra indagine aggiunge informazioni in piu’ sulle differenze cerebrali associate alla patologia del sonno”.

La corteccia motoria nei pazienti affetti da insonnia cronica e’ apparsa piu’ adattabile ai cambiamenti – piu’ plastica – rispetto a quella degli individui che dormono bene. E non solo: i neuroni degli insonni mostrano maggiore eccitabilita’ nella stessa regione cerebrale, dato che conferma l’idea che gli insonni vivono in un costante e rafforzato stato di elaborazione delle informazioni che interferisce con il sonno. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Sleep’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!