Influenza: preparare il sistema …

Milano, 2 settembre 2015.…

Allergie: i batteri intestinali …

I batteri che vivono norm…

Alzheimer: la vitamina E rallent…

L'uso di vitamina E nei …

AIDS: il Premio Nobel, possibile…

Una cura scientificamente…

Tosse nel bambino: un problema e…

[caption id="attachm…

Ictus: il magnesio riduce i risc…

Le persone che mangiano m…

Epatite C: i due nuovi farmaci (…

Sono il boceprevir e il t…

Pelle artificiale: piu' vera del…

[caption id="attachment_9…

Zucchero: contro obesità in GB s…

Il governo britannico gui…

Neo benigno o no, un test dall'U…

Valuta l'espressione di u…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sensore contro piaghe da sfregamento delle protesi degli arti

Sviluppato un nuovo tipo di sensore della pressione – chiamato “second skin”, seconda pelle – che potrebbe aiutare a prevenire le piaghe dolorose.


La tecnologia e’ stata sviluppata inizialmente per aiutare le persone con arti amputati ad alleviare le sofferenze da sfregamento contro le protesi. protesi_ancaMa se il progetto della Southampton University, nel Regno Unito, avra’ successo i sensori potranno essere utilizzati anche per i diversamente abili sulle sedie a rotelle e gli individui costretti a letto. La tecnologia, riporta la BBC, potrebbe essere disponibile nel Regno Unito entro tre anni e consiste di un sensore sottile e flessibile, grande come un piccolo francobollo d’oro. Il sensore e’ inserito in una sorta di calzino imbottito che si applica tra l’arto artificiale e la parte del corpo a contatto. Il meccanismo invia informazioni a medici e addetti ai lavori che possono cosi’ monitorare i picchi di pressione e stress che emergono quando il paziente cammina, suggerendo eventuali e necessarie modifiche per evitare dolori e disagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: