Cure palliative: al nuovo Hospic…

Un attento lavoro d’équip…

Scoperti meccanismi in grado di …

Scoperti i meccanismi che…

Dermatologia: messa al bando la …

''Riducete le cerette'' …

Pillola anticoncezionale: come c…

L'uso della pillola antic…

Epatite C: riconoscimento a due …

[caption id="attachment_6…

Fratture vertebrali oncologiche:…

[caption id="attachment_7…

Staminali per trattare la SLA: c…

Sono considerati posi…

Laser superveloce per curare la …

Sette percorsi di cur…

Da allevamenti cinesi arrivano s…

L'uso incontrollato di an…

Obesità: non è un disturbo legat…

L’alimentazione non sareb…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sensore contro piaghe da sfregamento delle protesi degli arti

Sviluppato un nuovo tipo di sensore della pressione – chiamato “second skin”, seconda pelle – che potrebbe aiutare a prevenire le piaghe dolorose.


La tecnologia e’ stata sviluppata inizialmente per aiutare le persone con arti amputati ad alleviare le sofferenze da sfregamento contro le protesi. protesi_ancaMa se il progetto della Southampton University, nel Regno Unito, avra’ successo i sensori potranno essere utilizzati anche per i diversamente abili sulle sedie a rotelle e gli individui costretti a letto. La tecnologia, riporta la BBC, potrebbe essere disponibile nel Regno Unito entro tre anni e consiste di un sensore sottile e flessibile, grande come un piccolo francobollo d’oro. Il sensore e’ inserito in una sorta di calzino imbottito che si applica tra l’arto artificiale e la parte del corpo a contatto. Il meccanismo invia informazioni a medici e addetti ai lavori che possono cosi’ monitorare i picchi di pressione e stress che emergono quando il paziente cammina, suggerendo eventuali e necessarie modifiche per evitare dolori e disagi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x