Interpretare l'alfabeto del cont…

Scienziati del Karolinska…

Forme di tumore al fegato posson…

Un nuovo test permette…

Network di imprese laziali dà vi…

Il network di imprese ope…

Dai Pediatri SIPPS: gli errori c…

Vietato litigare o parlar…

Coulrofobia: perché non è uno sc…

Con l’imminente arrivo de…

Da una ciocca di capelli ricostr…

[caption id="attachment_5…

Fumo: studio comprova l'efficaci…

I prodotti sostitutivi …

Cellule staminali: al via test c…

Cellule embrionali ai 'na…

Parkinson: si sta valutando la D…

Impulsi elettrici inviati…

Congresso Neonatologi. Lorenzin:…

Nel messaggio indirizzato…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Demenza: secondo esperti è un vero e proprio allarme

AGeSPI e Regione Piemonte promuovono una giornata di studio e riflessione dedicata a un tema di grande rilevanza epidemiologica e di devastante impatto sulla persona che ne è affetta e sulla sua famiglia

Secondo gli esperti è allarme demenza. A Torino c’è stato un convegno a tema. La demenza si fa sempre più strada tra le persone. E l’età in cui colpisce si è abbassata, diventando un serio problema che non interessa soltanto più le persone più anziane, tanto che è allarme.memoria_visiva

A tale proposito, si è svolto ieri mattina, presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, il Convegno dal titolo “Società e scienza di fronte all’allarme demenza”, organizzato e promosso da AGeSPI e Regione Piemonte.
Una giornata di studio, approfondimento, riflessione sociale e scientifica in risposta a un tema di grande rilevanza epidemiologica e di grande impatto, che ha coinvolto tutti gli attori che operano nell’ambito dell’assistenza e cura della persona fragile.

Ad aprire la giornata, il saluto del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, e il benvenuto dell’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta.
L’interessante incontro, organizzato e promosso da AGeSPI e Regione Piemonte, ha voluto offrire una panoramica di quanto si sta facendo per promuovere l’accettazione sociale e culturale della demenza, per rispondere al meglio alle richieste di cura e assistenza di chi è affetto da questa patologia e dare supporto ai loro familiari, con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita di entrambi.

Secondo l’OMS, i nuovi casi di demenza sono circa 7 milioni e 700mila ogni anno, ossia un nuovo caso ogni 4 secondi in qualche parte del mondo.
I dati di letteratura concordano nel ritenere che la demenza non sia uno stadio ordinario dell’invecchiamento, anche se l’aumento dell’età media è il principale predittore di tale condizione.

Per quanto riguarda la regione Piemonte, si rileva che gli ultra 65enni sono il 22,7% della popolazione, contro una media nazionale del 20%. Complessivamente, gli ultra 65enni nella regione sono più di 1 milione.
Si pone perciò una sfida drammatica per le famiglie, le comunità e per tutti i servizi sanitari regionali e nazionali: come illustrato dall’intervento del Direttore alle Politiche Sociali e per la Famiglia della Regione Piemonte, Raffaella Vitale, è necessario l’avvio di un piano regionale e nazionale sulle demenze.
La demenza, per la sua rilevanza epidemiologica e per il suo devastante impatto sulla persona e la famiglia, è un grande richiamo alla responsabilità di tutti – in quanto singoli o in quanto comunità politica, scientifica e intellettuale – per impegnarsi, anticipare e correggere le desolanti circostanze nelle quali tanti pazienti, spesso anziani, vulnerabili e i loro congiunti si ritrovano.

La riflessione sulla quale l’intero convegno si è concentrato, introdotta da Teresa di Fiandra, Direzione Generale della prevenzione – Ministero della Salute, e rivolta alle Istituzioni e agli operatori del settore presenti, ha voluto analizzare il piano nazionale e i piani regionali sulle demenze, l’epidemiologia delle demenze, i fattori di rischio e di prevenzione, la diagnosi precoce, i disturbi comportamentali, le cure di fine vita della persona demente.
Ha concluso la giornata una tavola rotonda dal titolo: “Promuovere la cittadinanza culturale della demenza”, moderata da Antonio Monteleone, Presidente Agespi Lombardia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!