SLA: farmaco sperimentale contro…

Un gruppo di scienziati …

Scoperta come si attiva la prot…

Una nuova ricerca trova c…

Apnea del sonno: si rivela effic…

Un nuovo e piu' efficace …

Pediatria: casi di asma in aumen…

''La tutela della sa…

DOCTOR'S LIFE, medici oltre lo s…

Roma, 04 novembre 2014 - …

Farmaci al domicilio del pazient…

Posizione comune di FOFI …

Gel iniettabile nelle corde voca…

Fra i pazienti in attesa …

Il batterio della salmonella per…

[caption id="attachme…

Marijuana: può provocare seri di…

L’uso di marijuana è stat…

Eseguiti i primi trapianti di tr…

[caption id="attachment_…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione eterologa: le indicazioni per ricevere la donazione dei gameti

heraROMA, 3 giugno 2014 – In vista del convegno “La tutela della salute per le coppie infertili e sterili dopo le sentenze della Corte Costituzionale”, che si svolgerà il 5 giugno a Roma nella sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, le associazioni organizzatrici Hera Onlus di Catania e SOS Infertilità Onlus di Milano hanno elaborato importanti criteri relativi alle coppie riceventi la donazione dei gameti:

  • I pazienti che ricorrono alla donazione dei gameti non possono scegliere in alcun modo il donatore; si tiene conto solo delle caratteristiche di razza dei pazienti
  • I pazienti che ricevono la donazione dei gameti verranno indicati da una condizione di mancanza di gameti propri o da condizioni genetiche dei propri gameti che mettono a rischio la salute del nascituro
  • Sono compresi fra i riceventi la donazione dei gameti tutti i pazienti oncologici che sottoponendosi a terapie antitumorali hanno perso la capacità riproduttiva, se non hanno preventivamente crioconservato i propri gameti. L’azione dei farmaci contro il cancro danneggia, il più delle volte in maniera irreversibile, la produzione dei gameti di questi pazienti. Ricorrere alla donazione dei gameti in questi casi rappresenta l’unica possibilità per avere un figlio
  • Sono candidate a ricevere la donazione tutte le coppie in cui le donne presentano una condizione di menopausa precoce
  • Sono candidate a ricevere la donazione di gameti tutte le coppie che per motivi genetici o malattie di altra origine non riescono a produrre embrioni sani, oppure presentano patologie che causano una riduzione nel numero e nella qualità dei gameti (es. endometriosi), esponendosi ad uno stato di infertilità con aborti ripetuti o alla sterilità assoluta
  • La donna ricevente non deve avere superato la soglia di 50 anni, che segna mediamente l’ingresso in menopausa. Ciò è coerente con l’art. 5 della legge 40/2004, nel quale si stabilisce che possono accedere alla procreazione medicalmente assistita coppie maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile.

“Si tratta – come sottolinea Rossella Bartolucci, presidente di SOS Infertilità – di regole e normative ormai consolidate in altre legislazioni. L’applicazione di tali criteri consentirà anche in Italia di procedere alla fecondazione eterologa con efficace sicurezza e con ogni garanzia di tutela, superando le obiezioni di carattere giudirico-bioetico e rendendo pienamente effettivo il diritto alla genitorialità”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi