Il citoscheletro: ecco come orga…

I movimenti delle protein…

Ecco come il diabete riscrive la…

[caption id="attachme…

[Telethon] Un trucco molecolare …

[caption id="attachment_6…

Studio mette in rilievo affinità…

Chi si somiglia si piglia…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Le radici genetiche della schizo…

Un nuovo studio ha consid…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

Tumore al seno: cellule staminal…

Uno studio coordinato dal…

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete, due forme conosciute, ma stessa origine

Sono i granuli tossici dell’amillina la causa di entrambe le forme di diabete, il tipo 1 a esordio giovanile, e il tipo 2, quella che colpisce prevalentemente gli adulti.


A sostenerlo è uno studio condotto dalle Università di Manchester, in Gran Bretagna, e Auckland, in Nuova Zelanda.
L’amillina è un ormone prodotto come l’insulina dal pancreas.   Entrambi servono a controllare la quantità di zuccheri circolanti nel sangue. Quando il meccanismo va in tilt si sviluppa il diabete. Secondo i ricercatori, guidati da Garth Cooper, il difetto risiederebbe nelle proteine tossiche dell’amillina che si accumulano nel pancreas e danneggiano le cellule dell’organo, chiamate cellule-beta, che devono produrre l’insulina.

Per i ricercatori la scoperta pubblicata sul Faseb Journal e che arriva dopo 20 anni di lavoro, potrebbe guidare allo sviluppo di farmaci in grado di “sciogliere” questi grumi tossici e salvare le cellule del pancreas. Nel mondo ci sono 371 milioni di persone malate di diabete. In Italia i diabetici sono oltre 3 milioni, ma si stima che 1 milione sia malato senza saperlo. L’aumento incontrollato degli zuccheri colpisce organi e sistema nervoso: può danneggiare seriamente cuore, occhi e reni ed è responsabile del piede diabetico.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi