Obesita': sono i fattori ambient…

[caption id="attachment_1…

Da cellule staminali a ovociti n…

Linee di cellule germinal…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Disarmare i batteri e lasciarli …

La prossima strategia nel…

[Corriere.it] Vaccino anti-HPV: …

[caption id="attachment_5…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

Menopausa: perché il calo degli …

Le donne sono piu' inclin…

Attestazione al merito della Sal…

Il Ministero della Salute…

Cuore artificiale: Italia effett…

L'operazione effettuata g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori allo stomaco: botox potrebbe arrestarli

Il comune trattamento antirughe, il botox, potrebbe essere utilizzato per fermare il cancro allo stomaco.

A dimostrare l’efficacia di queste iniezioni sui topi e’ stato un gruppo di ricercatori della Columbia University Medical Centre di New York e della Norwegian University of Science and Technology in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. Nei test il botox si e’ rivelato efficace nel bloccare i segnali nervosi che stimolano le cellule staminali del tumore.   I promettenti risultati registrati sulle cavie hanno portato al lancio precoce di un trial clinico, in Norvegia, che coinvolge pazienti umani con cancro allo stomaco.

“Abbiamo scoperto – ha detto Timothy Wang, scienziato della Columbia University Medical Centre di New York e autore dello studio – che bloccando i segnali nervosi e’ possibile rendere le cellule tumorali piu’ vulnerabili. In questo modo si elimina uno dei fattori chiave che regolano la loro crescita”.

Il botox, infatti, impedisce alle cellule nervose di rilasciare un neurotrasmettitore – un segnale chimico – chiamato acetilcolina. Nei trattamenti cosmetici, bloccando l’acetilcolina e’ possibile ridurre le rughe paralizzando temporaneamente i muscoli del viso. Il neurotrasmettitore e’ noto anche per stimolare la divisione cellulare e questo e’ il collegamento scoperto con il cancro.

“Il botox – ha detto Duan Chen, docente della Norwegian University of Science and Technology e coautore dello studio – puo’ essere iniettato tramite gastroscopia (un tubo sottile che passa attraverso la bocca fino allo stomaco) e richiede al paziente di rimanere in ospedale solo per un paio d’ore”. Inoltre, secondo lo scienziato, le iniezioni di botox sono anche meno tossiche rispetto alla maggior parte dei trattamenti anti-cancro standard e sono relativamente poco costos

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!