Un marker per la malattia di Cre…

LA metodica è basata sull…

Oftalmologia: da Chieti, i consi…

Estate di superlavor…

Teva e Active Biotech continuano…

Gerusalemme & Lund, S…

Virus HIV: il vaccino anti-vaiol…

[caption id="attachment_7…

Lo stress riduce il volume del c…

Provocano l'aumento dei l…

L’EMA approva la nuova terapia c…

L’EMA approva l’assoc…

WIKIPHARM+, la nuova app sulla s…

Versione più completa e a…

Scoperta molecola che rende più …

Gli scienziati, ‘blocca…

Cellule "TRANS": uno scudo contr…

Una ricerca condotta a qu…

Cellule staminali contro danni c…

Agiscono come un mini 'ki…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bypass gastrico: più efficace del bendaggio

Il bypass gastrico e’ piu’ efficace del bendaggio al fine di una durevole perdita di peso in pazienti fortemente obesi.


Inoltre questo tipo di intervento chirurgico permette di mantenere meglio sotto controllo il diabete di tipo 2, la pressione sanguigna e il livello di colesterolo. chirurgia_bariatricaLo rivela uno studio pubblicato sulla rivista ‘Jama’ realizzato da un gruppo di ricercatori della UT Southwestern Medical Center che hanno analizzato i risultati di 30 diversi studi a lungo termine che hanno confrontato questi due diversi approcci terapeutici.

Lo studio ha evidenziato che i pazienti sottoposti a bypass gastrico hanno perso piu’ peso con una media del 66 per cento contro una media del 45 per cento di quelli che invece si sono sottoposti a procedure di bendaggio gastrico. I ricercatori hanno trovato drammatiche differenze tra le due procedure nel controllo del diabete. Piu’ di due terzi dei pazienti di bypass gastrico con diabete di tipo 2 ha visto la remissione della malattia, rispetto a meno di un terzo dei pazienti banda gastrica.

La chirurgia di bypass gastrico ha anche abbassato l’ipertensione meglio del bendaggio gastrico. Quasi la meta’ dei pazienti (48 per cento) con ipertensione ha riportato remissione dopo due anni con bypass gastrico, rispetto a meno di un quinto (17) per quelli sottoposti a procedure banda gastrica. “Sappiamo ora – ha spiegato Nancy Puzziferri, una delle autrici della ricerca – che questa soluzione garantisce risultati migliori anche nel lungo periodo e cioe’ a distanza di 5 anni dall’intervento”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi