Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cannabis Terapeutica: il via dello Stato alla produzione a scopo terapeutico

Presentato e sottoscritto pubblicamente il 18 settembre dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin e dal Ministro della difesa Roberta Pinotti l’accordo di collaborazione per l’avvio di un progetto pilota per la produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di cannabis

Al fine di arginare la diffusione e il ricorso a prodotti non autorizzati, contraffatti o illegali, ieri il Ministro della salute Beatrice Lorenzin e il Ministro della difesa Roberta Pinotti hanno presentato e sottoscritto pubblicamente l’accordo di collaborazione per l’avvio di un progetto pilota per la produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di cannabis.

In questo modo si potrà garantire l’unitarietà nell’impiego sicuro di preparazioni magistrali di sostanze di origine vegetale a base di cannabis, si legge nel comunicato del Ministero. La produzione nazionale di questi fitoterapici consentirà l’accesso a costi adeguati alle terapie.

Una vera e propria svolta nella possibilità di utilizzare fitoterapici ottenuti da piante ritenute illegali. Allo stato attuale esiste un solo medicinale a base di estratti di cannabis sativa. Questo, disponibile sul territorio nazionale e autorizzato all’immissione in commercio, è indicato nel trattamento dei sintomi nei pazienti adulti affetti da spasticità moderata o grave, dovuta a malattie come la sclerosi multipla. Per cui, a oggi, i medici che intendano prescrivere ai loro pazienti sostanze o preparazioni di origine vegetale a base di cannabis, per questa patologia o altre ancora, devono richiedere l’importazione di prodotti in commercio all’estero – se non si tratta del medicinale succitato.

Il Ministero fa inoltre sapere che la produzione di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di cannabis si svolgerà presso lo SCFM – Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.
«L’individuazione dello SCFM come officina di produzione garantisce elevate capacità chimico-farmaceutiche e la produzione in un luogo in sicurezza», ha sottolineato il Ministro Roberta Pinotti.

«E’ la risposta ai pazienti con patologie gravi come Sla, sindrome di Tourette e sclerosi multipla – ha commentato il Ministro Beatrice Lorenzin – Persone che necessitano dei farmaci con il principio attivo della cannabis. I farmaci costeranno meno della metà di quanto ora si spende per importare il principio attivo, circa 15 euro al grammo. La produzione nello stabilimento di Firenze abbatterà ancora di più i costi e ci garantisce la sicurezza necessaria. Non è un via libera all’autocoltivazione».

I farmaci prodotti verranno utilizzati nella terapia del dolore soltanto dietro prescrizione medica. In particolare, per alcune patologie del sistema neurovegetativo.
A conclusione, il Ministro della salute Lorenzin ha rimarcato l’impegno del Ministero nella promozione della terapia del dolore, inserendolo nell’Agenda del semestre europeo.

Per approfondimenti: www.salute.gov.it.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!