Patologie cardiache: un amminoac…

Un molecola "sentinella" …

Emorragia subaracnoidea, fumo e …

Il fumo, la pressione alt…

Sindrome da deficit di attenzion…

La sindrome da deficit di…

Ansia: scoperta una sostanza dir…

[caption id="attachment_6…

Uso delle cellule staminali per …

Nel campo della Medicina …

Longevità: sono i telomeri a det…

Una  ricerca sul diamante…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Fare rete per fare innovazione n…

Giovedì 22 settembre, per…

TBC: vicini alla realizzazione d…

Scoperto un nuovo po…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: nessuna differenza tra il maschile e il femminile

Dimenticate la teoria secondo la quale gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere. I cervelli di Lui e Lei sono gli stessi.


Ne e’ convinta Gina Rippon, neuroscienziata della Aston University di Birmingham, nel Regno Unito, come riporta un articolo del Daily Mail. Secondo l’esperta, i sessi non sono “cablati” in modi diversi e non vi e’ alcuna prova che gli uomini sappiamo leggere meglio le mappe e che le donne abbiano piu’ capacita’ di multi-tasking.brain_scanner
L’eventuale differenza, sottolinea Rippon, potrebbe esser dovuta all’idea di genere costruita dalla societa’ e non dalla biologia. Per la neuroscienziata si tratterebbe di un’idea pericolosa che starebbe scoraggiando una generazione di donne a diventare scienziate. Rippon e’ convinta che le differenze nel cervello di Lei e Lui si formino nell’infanzia, quando i bambini e le bambine usano giochi diversi conformandosi agli stereotipi.

La scienziata ha detto che il cervello umano e’ molto piu’ malleabile di quanto pensiamo. Come ha evidenziato una ricerca recente, sottolinea Rippon, le donne che giocano al videogame Tetris per tre mesi, subiscono una serie di cambiamenti fondamentali nella loro struttura cerebrale, come una “crescita” nell’area associata alle abilita’ spaziali. “I cervelli di uomini e donne sono molto piu’ simili di quanto siano diversi”, ha detto Rippon.

“Non possiamo davvero permetterci di accettare la visione ‘essenzialista’ che le ragazze non sono interessate alle materie scientifiche e causa di qualche ‘carenza nel cervello'”, ha precisato la scienziata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: