Sclerosi multipla: non e' solo u…

[caption id="attachment_1…

Bimbi prematuri: staminali ripar…

Le cellule staminali poss…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Federsalus scende in campo contr…

FederSalus plaude l’azi…

Vaiolo: debellato il virus umano…

Il virus del vaiolo bovin…

Meno rischi di fratture ossee pe…

Le donne di colore o asia…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Broncopneumopatia Cronica Ostrut…

In prossimità della XIII …

Pomodoro: sequenziato l'intero g…

Il risultato, di grande i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO A SCUOLA. PARTONO I CORSI “InFORMATI con SKINECO” APERTI A DERMATOLOGI, FARMACISTI E COSMETOLOGI – PRIMO APPUNTAMENTO, LA PSORIASI

skinecoRoma, 30 settembre 2014 – Si fa presto a dire ‘ecologico’, ‘dermatologicamente testato’ e ‘naturale’, specialmente quando il termine è riferito ai prodotti cosmetici, basta un claim pubblicitario, ma sarà davvero un prodotto adatto alla pelle e al pianeta? E’ il quesito che ha ispirato l’associazione SKINECO a ideare un ciclo di appuntamenti per aumentare la conoscenza dell’EcoDermoCompatibilità anche tra gli addetti ai lavori.

“Abbiamo deciso di iniziare con la psoriasi perché i circa 2 milioni e mezzo di pazienti hanno necessità di integrare i farmaci con una terapia cosmetica che ripristini quotidianamente la corretta idratazione, limiti la secchezza, il fastidio e il prurito delle placche di psoriasi e utilizzi detergenti e shampoo” spiega la Dottoressa Pucci Romano, Specialista in Dermatologia e Presidente Skineco “Mantenere in equilibrio il film idrolipidico è fondamentale per controllare la salute della barriera cornea e prevenire i fenomeni infiammatori. Nelle più comuni creme e lozioni consigliate per ripristinare e mantenere la corretta idratazione delle lesioni psoriasiche sono presenti troppe sostanze come petrolati, paraffina liquida, siliconi, PEG (polietilenglicoli), disturbatori ormonali come il BHA (butilidrossianisolo),usato generalmente come conservante.

“I cosmetici rappresentano una categoria di prodotti di largo consumo e di ampia diffusione” continua la dottoressa Romano “si tratta di prodotti che fanno parte della nostra vita quotidiana ed il cui impiego è legato a comportamenti abituali (igiene personale, protezione, deodorazione, make up, etc.). Possono essere utilizzati con la massima tranquillità quando sono prodotti seguendo le normative vigenti ma a tutt’oggi non devono ancora, per legge, sottoporsi ad alcuno “standard” di ecologicità, di sostenibilità ambientale, di biodegradabilità. Il loro uso massiccio sta facendo emergere un aumento di situazioni come pelli sensibili e reattive, asfittiche, con pori dilatati, dermatiti atopiche, forme di acne anche in soggetti adulti ecc.”

E’ scientificamente dimostrato pensare che tutto quanto fa male alla pelle fa male all’ambiente e viceversa. A tutt’oggi manca una regolamentazione legislativa per la Ecotossicità dei cosmetici e le varie certificazioni sono tutte facoltative. Skineco ha quindi indirizzato la sua attenzione su una ‘chimica amica’ e su una serie di materie prima che hanno mostrato essere compatibili con la pelle e con l’ambiente.

Se la pelle sana risente dell’uso di prodotti non adatti è facile immaginare come questo si amplifichi nel caso della cute ‘patologica’ eppure i cosmetici possono essere usati nella Terapia Integrata di molte patologie (cutanee ma anche in corso di malattie oncologiche e sistemiche) per creare sinergismo con la terapia farmacologica, controllare gli eventuali effetti collaterali, impedire la sensibilizzazione, diventare – quando possibile – un’alternativa ai farmaci e ovviamente migliorare la componente psicologica.

Sei gli incontri previsti a Roma. Al corso sulla psoriasi seguiranno l’acne che interessa anche soggetti adulti, la cosmetica per bambini e la protezione del loro delicato organismo da sostanze dannose, la cosmesi al maschile in aumento e quella per i nostri amici a 4 zampe: i prodotti a loro destinati rispettano l’ambiente? E venirne a contatto può essere fonte di problemi per gli umani? (Il calendario sarà aggiornato e disponibile sul sito dell’Associazione, www.skineco.org)

I corsi sono aperti a dermatologi, farmacisti e cosmetologi e la frequenza dà diritto all’acquisizione di crediti formativi. Ma saranno seguiti anche dal pubblico: ‘vogliamo raggiungere tutti i target di una informazione corretta e sappiamo che il pubblico degli utilizzatori è sempre più attento e preparato. Quindi i lavori della mattinata saranno destinati ai professionisti mentre nel pomeriggio gli esperti si riuniranno per discutere i temi più importanti in una tavola rotonda aperta al pubblico. Per registrarsi inviare una mail a skineco@meeter.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!