Scoperto un processo chiave nel …

[caption id="attachment_1…

“Focus On” sul Rene Policistico.…

La malattia colpisce 60.0…

Tumori: scoperto gene promoter d…

Alcuni scienziati dell'…

Anoressia: italiani spiegano per…

Meno materia grigia nell…

Cuore: con gli innesti biodegrad…

Un innesto per arterie co…

Ginseng: si rivela ottimo deterr…

Secondo una recente ricer…

Ricerca: torna in patria un cerv…

E' rientrato in Italia da…

Si premia l'eccellenza della ric…

Due giovani scienziate ha…

Colesterolo: studio svedese dimo…

Una nuova ricerca dell'Un…

Distrofia: passi in avanti con s…

La nuova tecnica messa a …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infezioni intestinali da Clostridium difficile: in dieci anni raddoppiati i casi

Sono praticamente raddoppiati negli Usa negli ultimi dieci anni i decessi causati da infezione intestinale provocata da Clostridium Difficile (Cdi).

Sono questi i dati contenuti in uno studio realizzato da ricercatori dell’Universita’ del Texas e pubblicato sull’American Journal of Infection Control. I ricercatori hanno analizzato 10 anni di dati delle indagini di Dimissione Ospedaliera Nazionale degli Stati Uniti (NHDS). Dal 2001 al 2010, il tasso di Cdi tra gli adulti ospedalizzati e’ salito dal 4,5 all’8,2 per mille.  Diversi fattori possono aver contribuito all’aumento dell’incidenza Cdi negli ultimi anni”, ha detto Kelly Reveles, autore principale dello studio.

“L’esposizione agli antibiotici rimane il fattore di rischio piu’ importante per la Cdi.” Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), il C. difficile e’ tra i piu’ comuni batteri responsabili di causare infezioni nosocomiali negli Stati Uniti ed e’ legato a 14.000 morti ogni anno.

Ridurre l’uso di ad alto rischio di antibiotici ad ampio spettro del 30 per cento potrebbe abbassare i tassi di infezione da Cdi del 26 per cento, stimano i Cdc. La Casa Bianca ha recentemente annunciato un nuovo ordine esecutivo e una nuova Strategia Nazionale per la lotta contro batteri resistenti agli antibiotici, e ha sottolineato la necessita’ di programmi di gestione per aiutare i medici a migliorare la prescrizione pratiche.

Secondo l’Universita’ del Texas, la maggior parte dei pazienti era di sesso femminile (59 per cento), bianco (86 per cento), e con piu’ di 65 anni di eta’ (70). “Il nostro studio ha trovato che il picco di incidenza delle infezioni da Cdi si e’ verificato nel 2008, con una lieve flessione fino al 2010”, ha detto Reveles. “La stabilizzazione puo’ essere il risultato di un aumento dei programmi di gestione degli antibiotici e migliori misure di controllo delle infezioni, come l’uso di precauzioni di contatto, la pulizia e la disinfezione delle attrezzature e l’igiene delle mani”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi