La strategia di sopravvivenza de…

[caption id="attachment_9…

SIN-ergia: analisi e riflessioni…

Presentazione dello studi…

Il nostro sistema immunitario sp…

Il 29 aprile si celebra l…

Tumori al colon e farmaci biolog…

[caption id="attachment…

l'area del cervello in cui vengo…

[caption id="attachme…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Fumo: bloccare un fattore di cre…

[caption id="attachment_6…

Studio italiano sui recettori de…

[caption id="attachment_5…

Ebola, l'OMS dichiara sottovalut…

Almeno 1069 morti in Afri…

Individuate nello spazio due nuo…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’abc della crioconservazione

nikeL’abc della crioconservazione

  • L’egg freezing, letteralmente congelamento degli ovociti, è una tecnica che rientra nella categoria della CRIOCONSERVAZIONE
  • La crioconservazione è una branca della criobiologia che consente il mantenimento della vitalità cellulare per un tempo prolungato, tramite congelamento. Il suo principio fondamentale è quello di interrompere i processi biochimici del metabolismo cellulare
  • Il lento, ma progressivo, affermarsi dell’egg freezing lo si deve proprio ai progressi nelle tecniche di crioconservazione
  • La vitrificazione consiste nell’immersione della cellula direttamente in azoto liquido, alla temperatura di -196°C, cosicché questa si possa “vitrificare” cioè si solidifichi rapidamente acquistando un aspetto vitreo, trasparente e privo di ghiaccio. Grazie all’estrema velocità del raffreddamento non si formano quei cristalli di ghiaccio che potrebbero danneggiare la struttura cellulare dell’ovulo come avverrebbe in una procedura di congelazione lenta
  • Con il cosiddetto ‘slow freezing’ (congelamento lento) le probabilità di successo che si ottenevano per il corretto congelamento degli ovociti si fermavano appena al 4-5%, mentre con la vitrificazione le percentuali di successo sono molto più alte e si aggirano oggi intorno al 95% di sopravvivenza degli ovociti e a circa il 50% di possibilità di ottenere una gravidanza
  • La vitrificazione è oggi riconosciuta dalle società scientifiche internazionali come tecnica standard per l’indicazione in pazienti oncologiche
  • Dal suo primario impiego terapeutico, si sta passando oggi ad un suo impiego sociale. Motivo per cui, parliamo oggi di Social Egg Freezing

CENNI STORICI

 

  • Gli embrioni dei mammiferi furono congelati e conservati la prima volta con successo nel 1972 quando lo scienziato Whittingham ottenne cuccioli di topo dopo il trasferimento di una morula scongelata
  • La prima gravidanza da embrione umano – ottenuto con IVF – e congelato allo stadio di 8 cellule, fu ottenuta in Australia nel 1983, ma esitò in aborto clinico
  • Nel 1986, fu Cohen ad ottenere il primo nato da embrione crioconservato ed ottenuto con IVF
  • Il primo caso di bambino nato in Italia, a Milano, da ovocita vitrificato da una paziente oncologica, è del 2013

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi