Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ricetta elettronica: solo cinque le regioni allineate per emetterne l’80%

Solo Sicilia, Valle d’Aosta, Trentino, Basilicata e Veneto stanno raggiungendo l’obiettivo. Fra gli ostacoli problemi di connessione e di gestione del software

Procede a passo lento il cammino della ricetta elettronica in Italia. Solo cinque regioni (Sicilia, Valle d’Aosta, Trentino, Basilicata e Veneto) sono a regime e stanno raggiungendo l’obiettivo di emettere l’80% delle ricette mediche dematerializzate entro il 2014, come previsto dall’agenda digitale del governo Monti. Altre regioni sono invece in fase di sperimentazione. Tra queste: Molise, Campania, Liguria, Piemonte, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Puglia, Marche. Le altre sono invece ancora in una fase di studio e preparazione per realizzare l’obiettivo.ricetta-elettronica

La maggior parte delle regioni sembra arrancare, tra problemi di connessione e gestione del software. Ma i prossimi mesi potrebbero essere quelli della svolta: “Entro fine anno – spiega Gianni Petrosillo, amministratore delegato di Promofarma, la società di Federfarma che si occupa di monitorare il passaggio della ricetta medica dal cartaceo all’elettronico – .Ci aspettiamo che anche Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Friuli possano entrare a regime e raggiungere gli obiettivi prefissati dall’agenda digitale”.

Malgrado il ritardo registrato in molte regioni, l’obiettivo finale rimane lo stesso: mandare definitivamente in soffitta la ricetta rossa. Con enormi vantaggi per tutto il sistema: “Il passaggio dal cartaceo all’elettronico – spiega Petrosillo – consentirà, una volta a regime, di ridurre gli errori prescrittivi e ottenere un controllo dei costi più preciso”. Senza considerare l’enorme risparmio legato al consumo di carta filigranata. Secondo l’Ad di Promofarma però, più che alla carta il vero risparmio sarà legato ad un altro aspetto: “Tutto il lavoro di controllo e riscontro, che oggi le Asl devono effettuare sulle ricette consegnate dalle farmacie, con la ricetta elettronica non si dovrà più fare”.

A fare da apripista alla digitalizzazione della ricetta è stata la Valle d’Aosta, dove l’esiguo numero di farmacie e medici ha reso più agevole il cambiamento. Ad entrare a regime senza troppi intoppi è stato poi il turno della Basilicata. A Trento, a luglio, si era già toccata la soglia delle 350 mila ricette elettroniche emesse. L’unica regione ad esser partita a regime senza prima fare un test è stata invece la Sicilia, dove vengono ormai erogate circa 50 mln di ricette elettroniche l’anno.

In Veneto la ‘rivoluzione digitale’ si è invece compiuta in queste ore: dal 1 settembre i cittadini che richiederanno una prescrizione farmaceutica al proprio medico di famiglia, riceveranno un promemoria stampato su carta bianca con il quale potranno recarsi in farmacia e ritirare il farmaco prescritto.

Le sperimentazioni fatte, e ancora in atto, hanno messo in mostra più di una criticità del sistema: “Ad esempio – spiega il direttore di Promofarma, Daniele D’Angelo – la mancanza di collegamenti internet o una piattaforma di gestione del sistema troppo lenta”. A complicare le cose c’è poi la questione legata alla presenza due distinti sistemi di trasmissione dati: il Sac (Sistema di accoglienza centrale) e il Sar (Sistema di accoglienza regionale).

Secondo il direttore di Promofarma, il primo, gestito dalla Sogei, è “meno problematico”. Ad utlizzare il Sac sono Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Liguria, Valle d’Aosta, Molise, Sicilia, Sardegna, Lazio, Marche, Umbria e Toscana. Il sistema Sar, che prevede invece un server regionale, è attivo in Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Trento e Bolzano. D’Angelo è comunque ottimista: “Crediamo che, ragionevolmente, il prossimo anno tutte le regioni potranno andare a regime”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!