Telefonini ancora sotto esame: p…

I telefonini ancora sotto…

Rapporti con tutti, ma trasparen…

Roma, 19 marzo 2015 - Il …

Individuate le aree del genoma c…

Un nuovo studio geno…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

AIDS: allattare fino al quarto m…

  Le mamme con infezio…

Dati Censis: Tac e RX grande ric…

Boom del privato per Tac…

Dispositivi medici in diabetolog…

Secondo gli esperti “è ar…

Cancro: un software per aiutare …

[caption id="attachment_…

Innovazione nel trattamento del …

Clinici da tutta Italia…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellula artificiale: creato un modello che cambia la forma

Primi passi verso la cellula artificiale. Un team di ricerca capitanato dagli scienziati della Technische Universität di Monaco (Tum) e che coinvolge anche la Sissa, la Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste, ha messo a punto un modello di cellula artificiale, in grado di muoversi e cambiare di forma autonomamente.


Le cellule sono oggetti complessi con un sistema metabolico sofisticato. I loro antenati evolutivi, le cellule primordiali, erano composte semplicemente da membrane e qualche molecola. Erano sistemi tanto minimalisti quanto perfettamente funzionanti.
Così, ‘ritornare alle origini della cellula’ è diventato il motto del gruppo di ricerca internazionale guidato da Andreas Bausch. Il sogno è quello di creare un modello semplificato di cellula con una funzione specifica usando pochi ingredienti base. ciglia_cellulariGli scienziati stanno seguendo il principio della sintesi biologica in cui singoli blocchi cellulari sono assemblati per creare sistemi biologici artificiali con nuove caratteristiche. Obiettivo, creare un modello simile alla cellula con funzioni biomeccaniche in grado di muoversi e cambiare la forma senza influenze esterne. I ricercatori hanno spiegato i risultati nella loro ultima pubblicazione su ‘Science’.
Il modello biofisico comprende la membrana, due diversi tipi di biomolecole e una sorta di ‘carburante’. L’involucro, cioè la vescicola, è fatto con un doppio strato di membrana lipidica, analogamente alle membrane delle cellule naturali. Gli scienziati hanno riempito le vescicole con microtubuli, componenti a forma di tubo del citoscheletro, e da molecole di chinesina.

Nelle cellule, le molecole di chinesina normalmente funzionano come motori molecolari che trasportano i blocchi di cellule lungo i microtubuli. Nell’esperimento, questi motori spingono costantemente i microtubuli uno accanto all’altro. Da un punto di vista fisico, i microtubuli formano un cristallo liquido bidimensionale sotto la membrana, che è in uno stato di permanente movimento.
Un aspetto cruciale nella struttura della cellula artificiale è la presenza di ‘difetti topologici’ nel cristallo liquido che forma l’involucro, un aspetto che le permette di deformarsi in modo autonomo. “Quando ci pettiniamo la mattina”, spiega Luca Giomi, matematico applicato della Sissa, “per quanto possiamo impegnarci, non riusciremo mai a eliminare la ‘girella’ sulla nuca. E’ un esempio di difetto topologico, cioè una singolarità all’interno di una struttura ordinata che è impossibile da eliminare attraverso una deformazione continua”. Come nell’esempio dei capelli, anche i microtubuli che formano l’involucro della cellula artificiale presentano delle “girelle”. A causa delle forze esercitate dai microtubuli, tuttavia, questi difetti sono in continuo movimento.

Sorprendentemente, questo movimento non avviene in modo causale, ma consiste in un’oscillazione regolare fra due particolari conformazioni. “Questa oscillazione funge da motore – continua Giomi – e fornisce alla cellula il suo ciclo vitale”.
“Con il nostro modello di sintesi biomolecolare, abbiamo creato una nuova opzione per lo sviluppo di modelli minimali di cellula”, spiega Bausch. Un sistema “per ricostruire processi cellulari” e comprenderne i problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: