Forum Nazionale Associazioni Nef…

“I nefropatici campani pa…

Health Technology Assessment: a …

Milano, 17 maggio – Fa ta…

Vitiligine: le terapie chirurgic…

Si affinano i trattamenti…

Malattie genetiche: argomento ch…

Alcuni dei migliori ricer…

Fumo e sigarette: l'UE approva r…

Un disegno di legge per r…

Trichomonas vaginalis: il nesso …

Il microrganismo favorire…

Al via la vaccinazione anti HPV!

[caption id="attachment_1…

Esercizio fisico: quando è tropp…

Due studi suggeriscono ch…

Anestesia totale: negli anziani …

L'esposizione all'an…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: cellule staminali estratte dalla placenta per il trattamento

Una iniezione di cellule estratte dalla placenta potrebbe aprire le porte a nuovi trattamenti contro la sclerosi multipla: infatti in un primo studio clinico cellule staminali derivate da tessuto placentare umano sono state somministrate a 16 pazienti dimostrando per ora la sicurezza e la tollerabilità della procedura.


Coordinato da Fred Lublin docente della Icahn School of Medicine a Mount Sinai, lo studio getta le basi per nuovi trial clinici per dimostrare l’efficacia di questa terapia.   Secondo quanto riferito sulla rivista Multiple Sclerosis and Related Disorders, già a partire da questo primo esperimento clinico sono emersi buoni segnali che queste cellule derivate dalla placenta – chiamate PDA-001 – possano effettivamente riparare i danni a carico del sistema nervoso tipici della malattia.

La sclerosi multipla è una patologia autoimmune che attacca il sistema nervoso: i nervi, o meglio la guaina isolante che permette loro di trasmettere i segnali nervosi, sono attaccati da una reazione immunitaria impropria sferrata dall’organismo. Gli attacchi possono essere molteplici e quindi i danni divenire progressivamente sempre più invalidanti. Gli esperti pensano che le staminali estratte dalla placenta e coltivate in provetta possano proteggere i nervi e favorirne la riparazione.

In questa prima fase sperimentale i medici hanno somministrato le PDA-001 in due dosi diverse a parte dei 16 pazienti e poi hanno monitorato il decorso della malattia dell’intero gruppo per tutto l’anno a seguire. Ebbene questa ‘terapia’ è risultata per ora sicura e ben tollerata, priva di effetti collaterali. Inoltre i soggetti trattati non sono andati incontro a peggioramenti o ricadute nell’anno di osservazione. Serviranno ovviamente novi test per valutare l’efficacia terapeutica si detta cura cellulare.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x