"Adulti e vaccinati" - Gli espe…

Censis: la polmonite an…

l'area del cervello in cui vengo…

[caption id="attachme…

Area cerebrale del "bluff", dire…

Quando dobbiamo affrontar…

Legge 40: corte costituzionale f…

E' stata fissata per lune…

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Olio extravergine di oliva: alle…

[caption id="attachment_7…

Altro che DNA 'spazzatura' - il …

[caption id="attachment_1…

Retinoblastoma: un nuovo protoco…

Raro ma aggressivo, quest…

Demenza: diversi tipi, diverse t…

Riuscire a differenziare …

Diabete: nuovo farmaco preserva …

Un nuovo farmaco promette…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: cellule staminali estratte dalla placenta per il trattamento

Una iniezione di cellule estratte dalla placenta potrebbe aprire le porte a nuovi trattamenti contro la sclerosi multipla: infatti in un primo studio clinico cellule staminali derivate da tessuto placentare umano sono state somministrate a 16 pazienti dimostrando per ora la sicurezza e la tollerabilità della procedura.


Coordinato da Fred Lublin docente della Icahn School of Medicine a Mount Sinai, lo studio getta le basi per nuovi trial clinici per dimostrare l’efficacia di questa terapia.   Secondo quanto riferito sulla rivista Multiple Sclerosis and Related Disorders, già a partire da questo primo esperimento clinico sono emersi buoni segnali che queste cellule derivate dalla placenta – chiamate PDA-001 – possano effettivamente riparare i danni a carico del sistema nervoso tipici della malattia.

La sclerosi multipla è una patologia autoimmune che attacca il sistema nervoso: i nervi, o meglio la guaina isolante che permette loro di trasmettere i segnali nervosi, sono attaccati da una reazione immunitaria impropria sferrata dall’organismo. Gli attacchi possono essere molteplici e quindi i danni divenire progressivamente sempre più invalidanti. Gli esperti pensano che le staminali estratte dalla placenta e coltivate in provetta possano proteggere i nervi e favorirne la riparazione.

In questa prima fase sperimentale i medici hanno somministrato le PDA-001 in due dosi diverse a parte dei 16 pazienti e poi hanno monitorato il decorso della malattia dell’intero gruppo per tutto l’anno a seguire. Ebbene questa ‘terapia’ è risultata per ora sicura e ben tollerata, priva di effetti collaterali. Inoltre i soggetti trattati non sono andati incontro a peggioramenti o ricadute nell’anno di osservazione. Serviranno ovviamente novi test per valutare l’efficacia terapeutica si detta cura cellulare.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!