Cellule staminali per la ricostr…

Per ora e' un sogno: cost…

Avocado: elisir contro chili di …

E' un frutto indispensabi…

Cervello: dopamina riduce impuls…

Innalzare i livelli del n…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

[Cordis] Buone notizie per i gio…

Secondo una nuova ricerca…

Calcoli renali: abuso di bevande…

Bere bibite gassate e…

Menopausa: cure sì, ma mirate

In occasione della gior…

Cellule tumorali morenti usano l…

La proteina chiamata PARC…

Dal MIT: silenziare 'i promotori…

[caption id="attachment…

La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule anti-cancro: descritte de Dendridiche CD103

Si chiamano ‘Dendritiche CD103’ e sono state isolate da uno studio dell’università di San Francisco nell’analisi di 3600 campioni umani di 12 tumori diversi.

I malati che le possiedono hanno molte più possibilità di guarire rispetto a chi ne è sprovvisto. Una scoperta che apre la strada a immunoterapie mirate da ottenere attraverso il potenziamento di queste cellule

Scovato micro-esercito cellule anti-cancro

ROMA – Scoperta una preziosissima e rara famiglia di cellule immunitarie che potrebbe entrare in gioco per contrastare molti tumori: in presenza di queste rare cellule – chiamate ‘dendritiche CD103+’ – un paziente oncologico ha sempre maggiori chance di guarigione.

Cellule dendridiche

Cellule dendridiche

Ciò è vero per molti tipi di tumore tra cui il cancro al seno. Secondo lo studio presentato sulla rivista Cancer Cell e condotto da esperti della Università di San Francisco, si tratta di una scoperta importante perché queste cellule potrebbero essere attivamente sfruttate in nuove terapie anticancro. I tumori non sono tutti uguali e l’esito di un cancro – la guarigione o meno – può cambiare da un paziente all’altro anche se con malattie apparentemente molto simili.

Gli scienziati californiani hanno scopertoperò un motivo per cui la prognosi di un paziente può essere più o meno favorevole: studiando 3.600 campioni umani di 12 tumori diversi, i ricercatori hanno isolato in alcuni pazienti questa rarissima famiglia di cellule di difesa. Hanno poi constatato che ogni qualvolta che queste cellule sono rilevabili in un tumore, è più probabile che il paziente ne uscirà guarito riuscendo a sconfiggere la malattia.

I ricercatori hanno compreso che le ‘cellule dendritiche CD103+’ sono un ‘micro-esercito’ in grado di organizzare un attacco mirato al cancro attraverso il reclutamento di altre cellule alleate. Purtroppo in quei pazienti che non ne sono dotati, questo attacco non può partire e quindi il paziente non ha le stesse chance di reagire al male che l’ha colpito.

Secondo i ricercatori la scoperta potrebbe aprire la strada a nuove immunoterapie mirate potenziando queste cellule laddove già presenti o magari un giorno preparandole in provetta per quei pazienti meno fortunati che non le hanno in dotazione.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!