Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

AIDS: farmaco in grado di blocca…

Sviluppato un nuovo f…

H5N1: pubblicato lo studio che h…

Modificando geneticamente…

Diabete tipo 1: l'innovazione te…

Diabete tipo 1: l'innovaz…

BPCO: il CNR conferma la piena r…

I ricercatori del gruppo…

Trichomonas vaginalis: il nesso …

Il microrganismo favorire…

Alzheimer: la vitamina B, utile …

Assumere una pillola di …

Sindrome di Prader Wi: individua…

Un team di scienziati del…

Appendicite: antibiotici possono…

Dare antibiotici ai pazie…

CNR: spirometria, confermato il …

Lo screening precoce sui …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Grassi polinsaturi: meno problemi cardiaci se sostituiscono i grassi saturi

Sostituire i grassi saturi con i grassi polinsaturi, secondo gli scienziati riduce il rischio di problemi cardiaci. Lo studio che mostra i benefici di una semplice integrazione di cibi buoni e salutari

Frutta secca, semi e oli vegetali contengono acido linoleico che pare sia un toccasana per cuore e arterie.
Per avere un cuore più sano e di conseguenza ridurre il rischio di disturbi cardiovascolari può essere utile sostituire i grassi saturi con quelli polinsaturi nella propria dieta.
A suggerirlo è un nuovo studio condotto dalla Harvard School of Public Health (HSPH), in cui si è trovato come una dieta che comprenda certi alimenti possa ridurre in modo significativo il rischio di malattia coronarica (CHD) e di morte, sempre per malattia coronarica.

Per ottenere i benefici a livello cardiovascolare non si devono fare i salti mortali o seguire chissà quale proibitiva dieta ma, secondo il dottor Frank Hu e colleghi della HSPH, basta sostituire anche solo il 5% delle calorie che si assumono da fonti di grassi saturi (carne rossa, burro eccetera). La sostituzione deve tuttavia avvenire a favore di alimenti che contengono acido linoleico – il principale grasso polinsaturo che si trova naturalmente negli oli vegetali, nella frutta secca e nei semi.

I risultati promettenti sulla salute di cuore e arterie sono stati evidenziati da diversi studi, tutti oggetto di questa nuova revisione e meta-analisi. In particolare, la semplice sostituzione delle fonti e della qualità dei grassi ha ridotto il rischio di eventi cardiaci da CHD e il rischio di morte correlata alle malattie coronariche.
Hu e colleghi sottolineano che gli studi clinici randomizzati hanno dimostrato che sostituire i grassi saturi con i grassi polinsaturi riduce il colesterolo totale e, soprattutto, le LDL (ossia il colesterolo cattivo). La meta-analisi ha nel completo fornito una chiara evidenza atta a sostenere i benefici del consumo di grassi polinsaturi in sostituzione di grassi saturi.

I ricercatori hanno concentrato la loro revisione sistematica e la meta-analisi su studi di coorte prospettici, al fine di riassumere i dati che riguardavano il legame tra l’assunzione di acido linoleico e il rischio di malattia coronarica nelle persone generalmente in buona salute. Tra tutti, i ricercatori hanno identificato 13 studi di coorte pubblicati e non pubblicati, che comprendevano un totale di 310.602 persone. Tra questi vi erano stati 12.479 eventi coronarici totali, tra cui 5.882 decessi per malattia coronarica.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Circulation, mostrano che l’assunzione di acido linoleico è inversamente associata al rischio di CHD, in modo dose-risposta-significato. Ovvero, una maggiore assunzione di acido linoleico ha determinato un minor rischio di CHD. Confrontando il più alto livello di consumo di acido linoleico nella dieta con il più basso, si è trovato che questi era associato a un rischio del 15% più basso di eventi coronarici e un rischio del 21% più basso di decessi per malattia coronarica. I risultati erano indipendenti da fattori comuni di rischio coronarico come malattie cardiache, il fumo e altri fattori dietetici come per esempio il consumo o meno di fibre alimentari.

In conclusione, i ricercatori ritengono che i dati raccolti supportino l’evidenza che sia fondamentale sostituire per buona parte i grassi saturi derivanti da cibi come la carne rossa, il burro o lo strutto con quelli provenienti da fonti vegetali come gli oli, la frutta secca e i semi.
Infine, anche se questo studio non ha esaminato gli effetti dei grassi trans, gli autori reputano che questi andrebbero comunque evitati.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!