Cellule staminali "incapsulate" …

Cellule staminali 'incaps…

Analisi specifica svela la vita …

[caption id="attachment_8…

Ricostruzione della mammella arr…

[caption id="attachment_4…

Osservatorio influenza:Isolati i…

10 Marzo 2015. Alla fine …

La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

L’estate e le infezioni della pe…

Le patologie cutanee nei …

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

comunicato stampa urologia andro…

Presentata in diretta…

Tubercolosi: vaccino funziona su…

Un nuovo vaccino che comb…

La paura non è tutta "smistata" …

Per provare paura, l'amig…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parte da Ancona il tour teatrale che racconta l’epilessia

LICE6 novembre 2014

Teatro Sperimentale “Lirio Arena”

Via Redipuglia, 59 Ancona

ore 18:30

Nelle Marche sono circa 15.000 i pazienti che soffrono di questa malattia

Ancona, 6 novembre 2014 – Fondazione Epilessia LICE sceglie la città di Ancona per la prima tappa del tour di “A volte non abito qui”, lo spettacolo di teatro-danza dedicato all’epilessia, una malattia neurologica molto diffusa ma poco conosciuta, che in Italia interessa circa 500.000 persone con 30.000 nuovi casi l’anno, in particolare bambini e anziani.

La pièce teatrale è tratta dall’omonimo libro “A volte non abito qui”, a cura del Professor Oriano Mecarelli, edito nel giugno 2013 da Fondazione Epilessia LICE. Il volume rappresenta il primo esperimento italiano di Medicina Narrativa(1) sull’epilessia e raccoglie racconti e poesie selezionati da una giuria qualificata.

L’ obiettivo dello spettacolo è dare forma ai vissuti emotivi raccontati nel libro, attraverso la forza evocativa del racconto, la gestualità del linguaggio corporeo e l’immediatezza delle musiche originali. Gli attori portano in scena una coinvolgente rappresentazione che segue un percorso di crescita simile a quello provato dai pazienti, che parte dalla scoperta della malattia, con lo sconforto iniziale, attraversa la consapevolezza e arriva all’accettazione della malattia e al successivo rinfrancamento nei confronti della vita.

Le
due
voci
narranti,
una
femminile
(solo
registrata
e
fuori
campo)
e
una
maschile

(interpretata
dall’attore
in
scena),
non
hanno
un
nome,
ma
sono figure concettuali che narrano l’evoluzione della malattia con accenti a tratti comici, a tratti più oscuri e drammatici, a volte pacificamente rasserenanti.

La direzione artistica, oltre che la scenografia e i costumi di “A Volte non abito qui” sono di Valeria Mecarelli. Daniel Terranegra è l’interprete maschile che, oltre a recitare, danza con Marta de Ioanna, ballerina e coreografa. Le musiche originali sono di Marco “uBik” Bonini e le luci di Diego Pirillo.

Lo spettacolo “A volte non abito qui” è parte integrante dell’attività di informazione medico-scientifica condotta, da ormai molti anni, dai medici della Lega Italiana contro l’Epilessia. Il dramma si svolgerà, infatti, a margine del convegno “Epilessia Farmaco resistente. La callosotomia in 3D: diretta, disconnessione, dramma” che avrà luogo il 6 novembre presso l’ Azienda Ospedaliero Universitaria “Ospedali Riuniti” di Ancona.

La rappresentazione ha la durata di sessanta minuti circa, il costo del biglietto è di 15 euro.

E’ possibile acquistare i biglietti in prevendita a partire da martedì 21 ottobre, presso il Teatro delle Muse di Ancona. La vendita sarà disponibile presso il Teatro Sperimentale, in Via Redipuglia 59 Ancona.

Prevendita biglietti

– da martedì 21 ottobre, ad 1 ora prima dell’inizio dello spettacolo

– dal martedì al venerdì dalle ore 09:30 alle ore 13:30

– giovedì e venerdì dalle ore 16:30 alle ore 19:30

Vendita biglietti

– dalle ore 17:30 del 6 novembre

Il ricavato sarà utilizzato da Fondazione LICE per la promozione della ricerca sull’epilessia.

Prevendita biglietti da martedì 21 Ottobre
– presso il Teatro delle Muse – Via della Loggia – Ancona

Vendita biglietti
– presso il Teatro Sperimentale – Via Redipuglia 59 Ancona

Per informazioni e prenotazioni www.fondazionelice.it www.facebook.com/FondazioneEpilessiaLICE.     

(1) La Medicina Narrativa è una disciplina che si basa sullo studio delle modalità di narrazione della patologia da parte del paziente al medico e, soprattutto nei Paesi Anglosassoni, ha avuto negli ultimi tempi un notevole sviluppo. Viene considerata parte integrante della obiettivizzazione dei segni e sintomi della malattia per poter giungere ad una diagnosi certa e soprattutto alla costruzione di un migliore rapporto medico-paziente.

LICE ha iniziato ad interessarsi di Medicina Narrativa leggendo un breve editoriale pubblicato da una ricercatrice italiana, Maria Vaccarella, nel 2011 (www.thelancet.com Vol 377 February 5, 2011) ed intitolato “ The art of medicine. Narrative Epileptology”.

 

EPILESSIA

L’epilessia è una malattia neurologica che si manifesta sotto forma di sintomi improvvisi e transitori, le cosiddette crisi, che dipendono da un’alterazione dell’eccitabilità dei neuroni corticali. Esistono crisi di entità e gravità differenti anche se la forma più conosciuta di crisi è quella convulsiva (il “grande male”) in cui si ha la caduta a terra e la perdita totale della coscienza. Altri tipi di crisi sono meno eclatanti ma anche più numerose e possono talvolta passare inosservate. Le cause dell’epilessia sono molteplici, dai fattori genetici alle lesioni vere e proprie del cervello (esiti di traumi, tumori, ictus, etc).

 

FONDAZIONE EPILESSIA LICE ONLUS

La Fondazione (che affianca le attività la Società Scientifica LICE – Lega Italiana contro l’Epilessia) non ha scopo di lucro e si propone come obiettivo primario quello di promuovere iniziative di vario genere per migliorare la conoscenza riguardo l’Epilessia e raccogliere fondi per il sostegno della ricerca medico-scientifica nel settore specifico.

Per maggiori dettagli, consulta i siti Internet: www.lice.it; www.fondazioneepilessialice.it

Fondazione Epilessia LICE è anche su Facebook: https://www.facebook.com/FondazioneEpilessiaLICE

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!