Atrofia muscolare spinale: ident…

Identificato un biomarca…

Calcoli nei bambini: polverizzar…

Polverizzare i calcoli re…

Il resveratrolo, molecola natura…

[caption id="attachment_2…

Aneurisma aorta addominale causa…

Un team internazionale gu…

Cancro: da un test del sangue po…

Parte all'Universita' Ca…

Addio embrioni: la chimica dalla…

[caption id="attachment_6…

Ultrasuoni per diagnosi precise …

[caption id="attachme…

DIABETE: "Let's get Physical"

Focus su esercizio fisico…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Arriva Anche In Sicilia Alla Cl…

L’Urologia della Clinica …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Polmonite: l’uomo più a rischio per basso livello di estrogeni

Basta prendere in giro gli uomini, considerati piu’ deboli quando si tratta di affrontare anche un banale raffreddore.


Un nuovo studio dell’Universita’ di Harvard, pubblicato sulla rivista Life Sciences, ha rivelato che gli uomini sono piu’ indifesi delle donne di fronte all’influenza, a causa della mancanza di ormoni sessuali femminili che indebolisce il loro sistema immunitario.polmonite
L’assenza di estrogeni, secondo gli studiosi, renderebbe l’uomo piu’ a rischio polmonite e altre malattie respiratorie.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno testato l’effetto della polmonite batterica sui topi. Ebbene, le femmine sono risultate naturalmente piu’ resistenti a questa condizione. Questo perche’, secondo gli scienziati, il gentil sesso puo’ contare sull’enzima ossido nitrico sintasi (NOS), attivato dal rilascio di estrogeno. Per confermare questa ipotesi i ricercatori hanno rimosso il gene responsabile della produzione di NOS3 su un gruppo di topi femmina.

Dai risultati e’ emerso che senza questo gene le femmine non sono piu’ resistenti alle infezioni rispetto ai maschi. Mentre con la semplice somministrazione di una dose di estrogeni nei topi maschi e femmine, i ricercatori sono stati in grado di curare anche gravi infezioni polmonari. “Questo lavoro potrebbe essere particolarmente utile nel ridurre il rischio di polmoniti batteriche secondarie durante l’influenza stagionale o pandemica”, ha commentato Lester Kobzik, uno degli autori dello studio. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi