Tumore al pancreas: è italiana l…

[caption id="attachme…

Uova in gestazione, prevengono d…

L’assunzione di colina, l…

Autismo: metà cause genetiche, m…

La ricerca del Karolinska…

Tacchi alti: il dolore alle arti…

In dieci anni e' piu' ch…

Tumore da esposizione all'amiant…

La nuova metodica ovviere…

Cellule staminali: il segreto de…

Svelato il segreto ch…

Obesità: per prevenirla dedicare…

Per dimagrire non e' nece…

Dimostrata la connessione tra la…

[caption id="attachme…

Sclerosi multipla e il futuro ne…

Nel convegno mondiale Acr…

Epidemia da meningite fungina: n…

Diagnosticati nelle ultim…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore alla prostata: scoperto biomarcatore in grado di tracciarle livello aggressività

I ricercatori dell’Universita’ del Texas hanno identificato un biomarcatore in un gene che regola la PSA che e’ in grado di predire l’aggressivita’ di un cancro alla prostata.


I risultati riportati nel Journal of Clinical Cancer Research, una pubblicazione della American Association of Cancer Research, indicano che il gene KLK3 – un gene sul cromosoma 19 responsabile della codifica l’antigene prostatico specifico (PSA) non solo e’ associato alla aggressivita’ del tumore prostatico, ma un poliformismo (SNP) su di esso, e’ anche piu’ presente nei casi di tumore GS 7 (Gleason score), che sono quelli piu’ pericolosi. ipertrofia_prostatica“Si tratta – ha spiegato il principale autore della ricerca Jian Gu – di una scoperta importante perche’ fino a oggi non avevamo nessun biomarcatore che ci facesse comprendere per tempo il tipo di tumore alla prostata con il quale avevamo a che fare. E dal momento che i tumori con un GS pari a sette sono molto eterogenei tra loro e rappresentano circa il 30-40 di tutti i tumori alla prostata, cominciare ad avere dei punti di riferimento chiari, non puo’ che sostenere le terapie e i progressi terapeutici”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi