Workshop SIN Campania e Regione …

Medici e Istituzioni al t…

ADHD: la risonanza magnetica a r…

I bambini e gli adolescen…

INAUGURATO CENTRO STUDI DI NEURO…

[caption id="attachme…

Vampate in menopausa e rischio t…

Le vampate di calore dura…

Cannabis Terapeutica: il via del…

Presentato e sottoscritto…

Fecondazione assistita accessibi…

[caption id="attachme…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

Alzheimer: le placche silenti in…

L'imaging del cervello tr…

TachoSil®, eccellenza dei farmac…

Numerosi studi clinici e …

Alzheimer: un esame della vista …

Presto con un semplice te…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore alla prostata: scoperto biomarcatore in grado di tracciarle livello aggressività

I ricercatori dell’Universita’ del Texas hanno identificato un biomarcatore in un gene che regola la PSA che e’ in grado di predire l’aggressivita’ di un cancro alla prostata.


I risultati riportati nel Journal of Clinical Cancer Research, una pubblicazione della American Association of Cancer Research, indicano che il gene KLK3 – un gene sul cromosoma 19 responsabile della codifica l’antigene prostatico specifico (PSA) non solo e’ associato alla aggressivita’ del tumore prostatico, ma un poliformismo (SNP) su di esso, e’ anche piu’ presente nei casi di tumore GS 7 (Gleason score), che sono quelli piu’ pericolosi. ipertrofia_prostatica“Si tratta – ha spiegato il principale autore della ricerca Jian Gu – di una scoperta importante perche’ fino a oggi non avevamo nessun biomarcatore che ci facesse comprendere per tempo il tipo di tumore alla prostata con il quale avevamo a che fare. E dal momento che i tumori con un GS pari a sette sono molto eterogenei tra loro e rappresentano circa il 30-40 di tutti i tumori alla prostata, cominciare ad avere dei punti di riferimento chiari, non puo’ che sostenere le terapie e i progressi terapeutici”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi