Studio mostra la mobilita' verso…

[caption id="attachment_9…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

Celiachia: nuova pasta "gluten f…

La nuova frontiera per ch…

Peptide antibatterico prossima a…

[caption id="attachment_8…

Infiammazioni intestinali: prote…

La malattia infiammatoria…

Disturbi come depressione, schiz…

Uno studio su 61mila indi…

Schizofrenia: progetto europeo d…

[caption id="attachment_9…

Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Linee di condotta per la profila…

Roma, 26 novembre 2013 –…

Dermatite atopica: l'allergia co…

L'effetto è mediato dalla…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer, un’iniezione a settimana per prevenirlo

Un’iniezione settimanale potrebbe prevenire l’insorgenza del morbo d’Alzheimer.


Gli scienziati della societa’ di biotecnologie Genetech Inc, a San Francisco, hanno scoperto un nuovo sistema per bloccare la formazione delle placche beta-amiloide, collegate alla malattia. A descriverlo e’ stata la rivista Science Translational Medicine.proteine-alzheimer
“Attaccando” una speciale proteina, chiamata “transferrina”, agli anticorpi e’ possibile superare la barriera emato-encefalica che fino ad oggi ha ostacolato il passaggio di potenziali farmaci contro la demenza. In questo modo, secondo gli scienziati, gli anticorpi possono attaccare le placche di beta-amiloide, prevenendo l’Alzheimer. Il trattamento e’ stato sperimentato con successo sulle scimmie. Ora i ricercatori contano di passare alla sperimentazione umana.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi