Ormoni dello stress: nei bambini…

I bambini obesi hanno liv…

MENO RISCHI CON "NUOVA" RISONANZ…

[caption id="attachment_8…

Vaccini: un nuovo vettore per ai…

[caption id="attachme…

"Scovato il serbatoio segreto de…

Un traguardo “storico”, t…

Un farmaco anti-calvizie maschil…

Gli uomini che assumono i…

Il disagio dell’incontinenza si …

L’importante è non nascon…

La TAC prima dei 15 anni triplic…

Prudenza con gli esami di…

Ictus: anche i traumi al collo, …

Secondo un nuovo studio, …

Scoperte nuove cellule del siste…

Scoperta un nuovo gruppo …

[1° comunicato EASD]Diabete di t…

48° Congresso EASD - Euro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sordità al ritmo: scienziati scoprono il disturbo che parte dal cervello

Se si hanno difficolta’ a ballare a ritmo di musica o si fatica a tenere il tempo di un ballo, allora e’ possibile che si e’ affetti da “sordita’ al ritmo”.

Si tratta di una condizione rara ma reale, che potrebbe dipendere da un deficit nella sincronizzazione tra la percezione dei suoni e il coordinamento dei movimenti.

Orecchio

Orecchio

Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio canadese condotto dalla McGill University e dall’Universita’ di Montreal. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Philosophical Transactions: Biological Sciences.

I ricercatori hanno analizzato le difficolta’ a seguire il ritmo di due persone. Rispetto ad altri 32 soggetti con un senso del ritmo normale, i due hanno mostrato difficolta’ ad adattarsi a un improvviso cambiamento di ritmo. I soggetti sono stati invitati a a tamburellare correttamente su una tastiera in risposta a un ritmo regolare segnato da un metronomo.

Pur dimostrando di riuscire nel compito, quando sono state introdotte delle modifiche al ritmo, piu’ veloce o lento, fallivano. Secondo i ricercatori, questo dipenderebbe dalla mancata correzione dell’errore di sincronizzazione tra percezione e movimento. I risultati dello studio potrebbero essere applicati anche ad altri disturbi, come problemi del linguaggio, e forniscono informazioni utili sull’integrazione dei sistemi uditivi e motori nel cervello.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi