Cancro al seno nelle giovani don…

Il cancro al seno nelle d…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Apnea notturna e rischio di polm…

Le persone con apnea nott…

Il resveratrolo, molecola natura…

[caption id="attachment_2…

Perdere peso limitando il tempo …

Limitare il tempo di cons…

L'origine delle piante verdi

L'analisi di 129 geni di …

Endometriosi: nuove frontiere pe…

A VERONA SI RIUNISCONO …

Alla scoperta del sistema immuni…

Un nuovo studio indica ch…

Fegato grasso o steatosi epatica…

Roma, 26 nov - Non sempre…

Ingegnerizzato lo splicing per m…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Retina artificiale: i progressi e i nuovi materiali biocompatibili

E’ ancora presto per poter parlare di realizzazione di una retina artificiale, ma un gruppo di ricercatori guidati da Yael Hanein della Scuola di Ingegneria Elettrica dell’Università di Tel Aviv (Israele) ha fatto, in questa direzione, un passo in avanti.


Gli studiosi hanno infatti realizzato un nuovo nano-dispositivo senza fili in grado di attivare i neuroni in risposta alla luce: “Rispetto alle tecnologie sperimentate in passato – spiega Hanein, direttore del Centro per la nanoscienza e nanotecnologia dell’Università – questo nuovo dispositivo è più efficiente e più flessibile ed è in grado di stimolare in modo più efficace i neuroni”.

Secondo gli studiosi l’innovativo materiale ha tutte le carte in regola per funzionare, in un prossimo futuro, come una retina artificiale in grado di contribuire a ripristinare la vista in caso di patologie oculari che colpiscono la retina come la degenerazione maculare legata all’età, che attualmente rappresenta la principale causa di perdita a livello mondiale della vista.

“A differenza di precedenti progetti che si basano sull’utilizzo di cavi e metallo nel tentativo di percepire la luce – spiega lo studioso – la nuova protesi è molto più compatta”. Lo studio è stato pubblicato su Nano Letters.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi