[video]La TOP 10 delle scienze 2…

[caption id="attachment_5…

Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

Sativex approvato dall'autorità …

Il Sativex, farmaco a bas…

A ciascun bambino il suo Natale

I consigli e le raccomand…

Anoressia: avanzano nuove ipotes…

Dal lavoro scientifico di…

La differenza di genere esiste a…

La differenza di genere n…

La colonscopia si tinge di blu

Tra le novità prese…

Nanoparticelle d'oro per misurar…

Nel corso delle epidemie …

Secukinumab primo farmaco biolog…

Secukinumab di Novartis è…

Per un cuore sano, oltre a coles…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tanoressia: una variante genetica alla base del disturbo

Dietro la ricerca spasmodica di raggi UV per abbronzarsi, la cosiddetta tanoressia, potrebbe esserci una predisposizione genetica.


Uno studio della Yale University, pubblicato sulla rivista Experimental Dermatology, ha scoperto una variante genetica, PTCHD2, associata alla dipendenza dall’abbronzatura.  Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno intervistato un gruppo di giovani circa la loro propensione a esporsi ai raggi UV. In totale, sono state studiate ben 319mila varianti genetiche rare e comuni presenti nei genomi dei partecipanti. Ebbene una variante genetica di PTCHD2 e’ stata collegata ai sintomi tipici della tanoressia.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x