Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Salute mentale femminile: il 10 …

In occasione della Giorna…

I risultati provenienti dallo st…

·I risultati del primo tr…

Chemioterapia: recente studio mo…

Alcuni ricercatori finanz…

ADHD: strumento di diagnosi che …

Per diagnosticare la cosi…

Nervi recisi: cellule staminali …

Un gruppo di ricercatori …

Ipertensione: contrastarla 'bruc…

Si puo' combattere l'iper…

Cellule muscolari ottenute da st…

Scoperta una nuova strate…

Occhiali 'bionici' per ipovedent…

Occhiali 'bionici' potreb…

Nuovi studi della Cattolica sul …

I risultati preliminari d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tanoressia: una variante genetica alla base del disturbo

Dietro la ricerca spasmodica di raggi UV per abbronzarsi, la cosiddetta tanoressia, potrebbe esserci una predisposizione genetica.


Uno studio della Yale University, pubblicato sulla rivista Experimental Dermatology, ha scoperto una variante genetica, PTCHD2, associata alla dipendenza dall’abbronzatura.  Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno intervistato un gruppo di giovani circa la loro propensione a esporsi ai raggi UV. In totale, sono state studiate ben 319mila varianti genetiche rare e comuni presenti nei genomi dei partecipanti. Ebbene una variante genetica di PTCHD2 e’ stata collegata ai sintomi tipici della tanoressia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi