Cellule staminali embrionali: so…

Gli europei stanno stimol…

Tumori: uno su tre di origine al…

Informare, sensibilizzare…

Infezioni intestinali: possono i…

Quando batteri patogeni i…

Un ormone che si crede prevenga …

[caption id="attachment_6…

Tumore al fegato: prelevato orga…

Un intervento di chirurgi…

Stoviglie di rame prevengono avv…

Cucinare su una superfici…

HIV: 'Progetto genitorialità' pe…

Sempre più coppie sieropo…

Chirurgia toracica video-assisti…

Presso il Centro Congre…

Tessuti al microscopio in 3D: nu…

Nuova rivoluzione in arri…

Rilpivirina è stata approvata in…

Beerse, Belgio, 28 No…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: le lunghe maratone televisive possono considerarsi un campanello di allarme

Puo’ sembrare una cosa innocua mettersi sul divano e godersi una bella maratona notturna della serie televisiva che piu’ ci piace.

In realta’, questo potrebbe rappresentare un campanello d’allarme per la nostra salute mentale. Uno studio della University of Texas di Austin ha scoperto che piu’ si e’ depressi e soli maggiori sono le probabilita’ di abbufarsi di tv. Per arrivare a queste conclusioni, presentate alla 65esima conferenza annuale dell’International Communication Association di San Juan (Puerto Rico), i ricercatori hanno coinvolto nello studio 316 persone di eta’ compresa tra i 18 e i 29 anni.depression Dopo aver analizzato i loro sentimenti di solitudine e depressione, la loro frequenza, la capacita’ di autocontrollo e la quantita’ di Tv che hanno guardato, i ricercatori hanno trovato che chi guarda di piu’ la tv e’ maggiormente depresso e solitario.

Questo perche’ il televisore aiuterebbe le persone ad allontanarsi dai sentimenti negativi. E la scarsa capacita’ di autocontrollo impedirebbe di abbandonare una maratona televisiva. Gli studiosi sottolineano quanta poca ricerca e’ stata fatta sull’argomento e le implicazioni di quello che chiamano “Binge-watching” potrebbe avere sulla salute.

“Anche se alcune persone sostengono che il binge-watching sia una dipendenza innocua, i risultati del nostro studio suggeriscono che il binge-watching non dovrebbe essere piu’ visto in questo modo”, ha detto Yoon Sung Hi, autore dello studio.
“L’affaticamento fisico e problemi come l’obesita’ sono legati al binge-watching e sono motivo di preoccupazione. Quando il binge-watching diventa dilagante – ha concluso – gli spettatori possono iniziare a trascurare il loro lavoro e le loro relazioni con gli altri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi