Dermatologia: la salute della pe…

Molte patologie cutanee, …

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

Staminali e rigenerazione di tes…

Ricercatori Ospedale Magg…

Se la celiachia fosse generata d…

Avere a che fare con dive…

Tumore al fegato: al Gemelli pri…

Il primo trattamento di …

Colesterolo: un aiuto per "sciog…

Un aiuto contro il colest…

Superbatteri: una mina per tutti…

La piaga dei batteri resi…

Aprile è il mese della prevenzio…

o   Parola d’ordine: temp…

Sindrome di Down: dalla natura u…

Uno studio biochimico del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovo farmaco anti-cancro da endo-cannabinoidi

Dalle proteine e dagli enzimi degli endo-cannabinoidi – particolari molecole di lipidi prodotte dal nostro organismo che svolgono un ruolo essenziale, tra l’altro, nella formazione e sviluppo dei neuroni – sara’ possibile, nel prossimo futuro, trarre nuovi tipi di farmaci antitumorali.

Efficaci, in particolare, per neoplasie a cervello, prostata, seno e colon-retto. E’ quanto emerge da uno studio internazionale coordinato da Mauro Maccarrone, docente di Biochimica presso l’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma. La ricerca e’ stata pubblicata su Nature Reviews Neuroscience.   Gli endo-cannabinoidi non vanno confusi con i fito-cannabinoidi, molecole vegetali di cui e’ composta, ad esempio, la cannabis. Queste ultime, anzi, vanno a disturbare i “bersagli” cellulari degli endo-cannabinoidi e, per questo, se non utilizzate in modo controllato, possono alterarne il regolare funzionamento.

“Nello studio – ha spiegato Maccarrone – abbiamo fatto il punto sulle principali proprieta’ che, negli ultimi vent’anni, sono state attribuite agli endo-cannabinoidi.
Questi, a differenza delle molecole di THC che compongono la cannabis, attivano in modo naturale particolari recettori del nostro cervello, risultando del tutto innocue. Anzi, e’ dimostrato che intervengono per riparare i danni quando, ad esempio, subiamo una commozione cerebrale o anche in caso di neoplasia al cervello”. I riscontri sperimentali confermano che in presenza di particolari patologie, peraltro non localizzate soltanto a livello cerebrale, gli endo-cannabinoidi nell’organismo aumentano significativamente in quantita’ per cercare di proteggerlo. E’ il caso pure dei tumori a prostata, seno e colon-retto.

“Partendo da questo dato – ha detto Maccarrone – abbiamo fiducia che nelle proteine e negli enzimi che circondano gli endo-cannabinoidi potremo trovare linfa per nuovi farmaci anti-tumorali. Non solo. Sappiamo che con l’insorgenza di malattie neurodegenerative come Alzheimer, Parkinson o sclerosi multipla si verificano alterazioni significative al sistema endo-cannabinoide. Sono le stesse riscontrate anche nel sangue. Questo ci consentira’, dunque, di trovare dei bio-marcatori ematici che potranno rivelarci precocemente e con un semplice prelievo se un paziente ha particolari probabilita’ di avere, in futuro, questo tipo di patologie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi