Spesa farmaceutica: non c’è equi…

Roma, 8 gennaio 2016 – “N…

Contraccettivi ormonali ma non o…

Contraccettivi ormonali n…

Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Equivalenti leva fondamentale pe…

La relazione annuale dell…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

Insufficienza pancreatica esocri…

[caption id="attachment_7…

Le centraline energetiche delle …

Nuove prove speriment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovo farmaco anti-cancro da endo-cannabinoidi

Dalle proteine e dagli enzimi degli endo-cannabinoidi – particolari molecole di lipidi prodotte dal nostro organismo che svolgono un ruolo essenziale, tra l’altro, nella formazione e sviluppo dei neuroni – sara’ possibile, nel prossimo futuro, trarre nuovi tipi di farmaci antitumorali.

Efficaci, in particolare, per neoplasie a cervello, prostata, seno e colon-retto. E’ quanto emerge da uno studio internazionale coordinato da Mauro Maccarrone, docente di Biochimica presso l’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma. La ricerca e’ stata pubblicata su Nature Reviews Neuroscience.   Gli endo-cannabinoidi non vanno confusi con i fito-cannabinoidi, molecole vegetali di cui e’ composta, ad esempio, la cannabis. Queste ultime, anzi, vanno a disturbare i “bersagli” cellulari degli endo-cannabinoidi e, per questo, se non utilizzate in modo controllato, possono alterarne il regolare funzionamento.

“Nello studio – ha spiegato Maccarrone – abbiamo fatto il punto sulle principali proprieta’ che, negli ultimi vent’anni, sono state attribuite agli endo-cannabinoidi.
Questi, a differenza delle molecole di THC che compongono la cannabis, attivano in modo naturale particolari recettori del nostro cervello, risultando del tutto innocue. Anzi, e’ dimostrato che intervengono per riparare i danni quando, ad esempio, subiamo una commozione cerebrale o anche in caso di neoplasia al cervello”. I riscontri sperimentali confermano che in presenza di particolari patologie, peraltro non localizzate soltanto a livello cerebrale, gli endo-cannabinoidi nell’organismo aumentano significativamente in quantita’ per cercare di proteggerlo. E’ il caso pure dei tumori a prostata, seno e colon-retto.

“Partendo da questo dato – ha detto Maccarrone – abbiamo fiducia che nelle proteine e negli enzimi che circondano gli endo-cannabinoidi potremo trovare linfa per nuovi farmaci anti-tumorali. Non solo. Sappiamo che con l’insorgenza di malattie neurodegenerative come Alzheimer, Parkinson o sclerosi multipla si verificano alterazioni significative al sistema endo-cannabinoide. Sono le stesse riscontrate anche nel sangue. Questo ci consentira’, dunque, di trovare dei bio-marcatori ematici che potranno rivelarci precocemente e con un semplice prelievo se un paziente ha particolari probabilita’ di avere, in futuro, questo tipo di patologie”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!