Parkinsonismo grave curato con c…

E' italiano il primo stud…

Depressione: stimolazione cerebr…

Uno studio dimostra che l…

Retina artificiale: progetto in …

Un polimero conduttore è …

'Un Calcio al Diabete': parte la…

Milano, 29 aprile 2011 – …

L'ipnosi in bambini e adolescent…

Acta Biomedica pubblica u…

Cellule staminali: nuova procedu…

Per garantire il successo…

Pediatria: tre parametri per pre…

[caption id="attachment_8…

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Confermata l'inefficacia degli a…

Uno studio europeo su 206…

Defibrillazione atriale senza do…

Presentata la prima evide…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ossa e cartilagine rigenerate grazie alla scoperta USA di cellule staminali

In futuro le fratture ossee e le lacerazioni della cartilagine potrebbero essere trattate con una semplice operazione che consiste nell’iniettare le cellule staminali scheletriche nelle aree danneggiate.


A scoprire la capacita’ delle staminali di rigenerare le ossa e la cartilagine e’ stato un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine in uno studio pubblicato su Cell.cartilagine I ricercatori hanno anche scoperto un meccanismo che permette alle cellule del grasso di trasformarsi in cellule staminali scheletriche. La scoperta offre la speranza di un nuovo trattamento per i disturbi scheletrici come le fratture ossee, il problema delle ossa fragili, l’osteosarcoma o le lesioni della cartilagine.

Le lesioni alla cartilagine sono molto comuni e capita spesso che, con una non buona guarigione o la perdita di parti di essa, possa predisporre i pazienti all’artrite.

“Questa ricerca – ha spiegato Michael Longaker, uno degli autori dello studio – solleva la possibilita’ di creare nuove cellule staminali scheletriche dai tessuti dei pazienti e di usarli per far crescere nuova cartilagine”. Un procedimento simile si puo’ ipotizzare anche in caso di perdita ossea. Tuttavia, al momento lo studio ha riguardato i topi. Ma considerate le somiglianze con gli esseri umani, gli scienziati sono convinti che presto potranno replicare questi risultati anche sulle persone.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi