Una possibile cura anti-cancro c…

La cura del tumore viene …

Aspirina: i mille volti di un fa…

V° Congresso Provinciale …

Epatite autoimmune comune: scien…

Un team di scienziati ha …

Cereali a colazione: per tenere …

Fare colazione è importan…

Asma e BPCO, come proteggersi pe…

Oltre 7,5 milioni di ita…

L'importanza delle fibre per la …

[caption id="attachment_…

La cellula invecchiando perde im…

Uno studio coordinato da …

Sempre più italiani soffrono di …

Endocrinologi e dermato…

EGA presenta il suo codice di co…

Roma, 6 marzo 2015 - A se…

Interpretare e guarire il dolore…

Cursi, Responsabile scien…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ossa e cartilagine rigenerate grazie alla scoperta USA di cellule staminali

In futuro le fratture ossee e le lacerazioni della cartilagine potrebbero essere trattate con una semplice operazione che consiste nell’iniettare le cellule staminali scheletriche nelle aree danneggiate.


A scoprire la capacita’ delle staminali di rigenerare le ossa e la cartilagine e’ stato un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine in uno studio pubblicato su Cell.cartilagine I ricercatori hanno anche scoperto un meccanismo che permette alle cellule del grasso di trasformarsi in cellule staminali scheletriche. La scoperta offre la speranza di un nuovo trattamento per i disturbi scheletrici come le fratture ossee, il problema delle ossa fragili, l’osteosarcoma o le lesioni della cartilagine.

Le lesioni alla cartilagine sono molto comuni e capita spesso che, con una non buona guarigione o la perdita di parti di essa, possa predisporre i pazienti all’artrite.

“Questa ricerca – ha spiegato Michael Longaker, uno degli autori dello studio – solleva la possibilita’ di creare nuove cellule staminali scheletriche dai tessuti dei pazienti e di usarli per far crescere nuova cartilagine”. Un procedimento simile si puo’ ipotizzare anche in caso di perdita ossea. Tuttavia, al momento lo studio ha riguardato i topi. Ma considerate le somiglianze con gli esseri umani, gli scienziati sono convinti che presto potranno replicare questi risultati anche sulle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: