Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Schizofrenia e DNA spazzatura, s…

Alcune sequenze di Dna, r…

Interazioni geni - ambiente: equ…

[caption id="attachment_1…

Botox, viaggia per il corpo dopo…

L’utilizzo delle iniezion…

L'integrita' della pelle e' il p…

Qualcuno la definisce un’…

AIDS: sarà italiana una cura che…

Studiando scimmie infetta…

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Genetica e asma: riflessioni

[caption id="attachment_1…

Conferma dallo studio tides-acs …

Barcellona, 30 agosto 201…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: statine possono rallentare propagazione metastasi

Le statine, noti farmaci che tengono a bada il colesterolo alto, possono contribuire a fermare la diffusione del cancro.


Almeno questo e’ quanto emerso dauno studio della University of Pittsburgh, pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Le cellule tumorali hanno bisogno del colesterolo per espandersi dal tumore originale e per creare metastasi.  Ora gli scienziati americani hanno dimostrato che le statine potrebbero essere in grado di fermare le cellule responsabili della diffusione mortale del cancro.

In una serie di esperimenti in provetta, gli studiosi hanno dimostrato che i farmaci anti-colesterolo lavorano meglio contro alcune cellule tumorali rispetto ad altre. “Anche se le statine probabilmente non sono efficaci contro il tumore primario del paziente, potrebbero invece agire per bloccare la capacita’ del tumore di metastatizzare”; ha detto Zoltan Oltvai, autore dello studio.

“Questo e’ molto importante perche’ la maggior parte deimalati di cancro muore per le metastasi”, ha aggiunto. Una soluzione potrebbe essere quindi quella di somministrare le statine insieme agli altri trattamenti standard, come la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi