Retinite pigmentosa: negli USA i…

Roma, 4 gen. - Una terapi…

Sativex approvato dall'autorità …

Il Sativex, farmaco a bas…

Olio extravergine: l'elisir di l…

L'olio extravergine d…

Ludopatia: guarire è possibile

Secondo le stime, in …

FASCHIM, un Fondo giovane e mode…

Milano, 07 luglio 2014 - …

Informatica usa come modello il …

[caption id="attachment_5…

JDRF e Medtronic insieme per la …

Collaborazione tra i lead…

"Un mare di bambini": il Congres…

Un Congresso centrato sui…

Nanoparticelle per studiare da v…

Lo studio dei processi ch…

Gravidanza: la carne del salmone…

- Mangiare molto salmone …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rigenerazione dei nervi: scoperta la molecola implicata nel processo di riparazione

Identificata un’unica molecola che, oltre a eliminare le cellule cattive, ha anche la capacita’ di riparare le cellule nervose danneggiate.


Questi, in estrema sintesi, i risultati di due nuovi studi della University of Colorado Boulder e della University of Queensland di Brisbane (Australia). Conosciuto come recettore per fosfatidilserina o PSR-1, la molecola e’ in grado di individuare ed eliminare le cellule apoptotiche che sono pre-programmate per morire, cosi’ come le cellule necrotiche danneggiate e, quindi, responsabili dell’infiammazione.   La morte cellulare programmata, o apoptosi, e’ un processo naturale che uccide miliardi di cellule in un corpo umano ogni giorno. Ma a catturare l’attenzione di entrambi i gruppi di ricerca e’ la constatazione che la molecola PSR-1 puo’ anche contribuire a ricollegare e riconnettere le fibre nervose rotte, chiamate assoni.

“La definirei una scoperta inaspettata e un po’ sorprendente”, ha detto Ding Xue, ricercatore della University of Colorado Boulder e coautore dello studio pubblicato su Nature Communication. “Questa e’ la prima volta che e’ stata trovata una molecola coinvolta nella apoptosi per avere la capacita’ di riparare gli assoni danneggiati, e crediamo che abbia un grande potenziale terapeutico”, ha aggiunto.

Xue e’ anche il co-autore dello studio della della University of Queensland di Brisbane (Australia), pubblicato su Nature, che mostra il ruolo importante svolto da PSR-1 nella rigenerazione degli assoni dei nervi, uno dei traguardi piu’ ambiti da parte dei neurologi di tutto il mondo che sognano di aiutare i pazienti che hanno subito danni al sistema nervoso centrale. Entrambi gli studi sono stati condotti sui C. elegans. I risultati potrebbero aprire la strada a studi che mirano alla realizzazione di farmaci in grado di riparare le lesioni del sistema nervoso centrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: