Alimentazione: broccoli e maqui …

Si combatte a tavola la g…

Lupus: gli immunosoppressori pre…

Le persone che assumono …

Diabete: nuovi sistemi a biosens…

Un nuovo biosensore pone …

HIV/AIDS: un farmaco che contien…

Pubblicato il 20 aprile s…

Anemia: scoperta proteina che re…

Individuata proteina che …

Scienziati europei rivelano i se…

[caption id="attachme…

Everest chiama Milano - Breathin…

Parte da Milano un proget…

Il naturale 'sonar' dei non vede…

I non vedenti possono svi…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

SIC: “PILLOLA E TUMORE AL CERVELLO? AL BANDO GLI ALLARMISMI”

sic-okSi è diffusa a macchia d’olio la notizia secondo la quale la contraccezione ormonale provocherebbe il glioma: “Attenzione al sensazionalismo: è pericoloso” spiega Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC).

Roma, 27 gennaio 2014– “Pillola e tumore al cervello: non creiamo allarmismi”. Questo in estrema sintesi il commento del professor Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC), alla notizia, rilanciata in questi giorni dai media italiani, secondo la quale i contraccettivi ormonali – in particolare il progestinico – provocherebbero il glioma, un rarissimo tumore del cervello.

“Anzitutto, come ammettono gli stessi ricercatori danesi che hanno condotto lo studio, il campione di circa 300 donne non è sufficientemente rappresentativo” continua il professor Volpe “e, in particolare, vengono prese in considerazione solamente quelle donne che hanno sviluppato il glioma”. Specifica: “Chiariamo inoltre che questo tipo di cancro colpisce una donna su 20mila, mentre quello all’ovaio – sul quale l’effetto protettivo della pillola è peraltro comprovato – una su 76”.

“Secondo un autorevole studio del British Royal College of General Practitioners, pubblicato nel 2010 sul British Medical Journal la contraccezione ormonale ridurrebbe in realtà la probabilità di tumore al cervello, incluso di tumore all’ipofisi”, aggiunge il past president della SIC. “In questo caso sono state studiate centinaia di migliaia di donne – delle quali due terzi assumevano la pillola – per oltre 35 anni: è chiaro che si tratti di dati statisticamente più rilevanti”.

“Quando si parla di contraccezione ormonale” mette in guardia il professor Volpe “dobbiamo prestare la massima attenzione: un’informazione incompleta o sensazionalistica non ci aiuta ad allinearci con gli altri Paesi europei e mantiene l’Italia tra i fanalini di coda con una percentuale di assunzione della pillola inferiore a quella di altri Paesi”. Conclude: “Gli estroprogestinici – oggi ne esistono alcuni di ultima generazione “naturali”, a base di estradiolo, l’ormone prodotto fisiologicamente dalla donna – hanno effetti molto positivi sulla salute della donna, oltre a evitare gravidanze indesiderate anche tra le giovanissime. Ma troppo spesso finiscono in secondo piano, e ci si dimentica che secondo recenti studi la pillola sarebbe in grado di evitare 45 tumori ogni 10mila donne”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi