Depressione: possibile combatter…

La proposta arriva dagli …

Elisir di giovinezza nel proprio…

[caption id="attachment_5…

Celiachia e Osteoporosi: prevenz…

Milano, 9 ottobre 2014 – …

Binge Drinking: dimostrato il pe…

Anche se la notte di Capo…

Fattori di rischio di ipertensio…

[caption id="attachme…

Scoperto sito del cervello che p…

[caption id="attachment_1…

Tumori: l'ecografia in grado di …

La scoperta è di ricercat…

Pomodoro: sequenziato l'intero g…

Il risultato, di grande i…

TUMORI E TERAPIA GENICA: 'PROTEI…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osservatorio influenza:Isolati i nuovi ceppi del prossimo virus influenzale

vaccino10 Marzo 2015. Alla fine di Febbraio 2015 si è svolto a Ginevra il meeting annuale dell’OMS per l’aggiornamento della composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2015/2016.
Le raccomandazioni emanate sono il risultato dei dati di sorveglianza virologica forniti da tutti i Centri Nazionali di riferimento (NIC), afferenti alla rete internazionale dell’OMS, attualmente composta da oltre 140 laboratori.

Ecco la nuova composizione vaccinale per la stagione 2015/2016:

  • A/California/7/2009 (H1N1) – presente anche nel vaccino 2014/2015
  • A/Switzerland/9715293/2013 (H3N2) – nuova variante
  • B/Phuket/3073/2013 (lineaggio B/Yamagata) – nuova variante.

L’OMS raccomanda inoltre, in caso dei vaccini quadrivalenti, l’inserimento del virus B/Brisbane/60/2008-like (lineaggio B/Victoria/2/87), in aggiunta ai precedenti.

“La composizione vaccinale prevista per il prossimo anno mette in evidenza come la stagione influenzale prossima dovrebbe, almeno per quanto riguarda i virus attesi, essere di dimensioni non ragguardevoli stante il fatto che i virus previsti, seppur due di nuovo inserimento, non si discosteranno molto da quelli che hanno circolato quest’anno per questo la stagione 2015/2016, almeno nelle premesse, non dovrebbe essere disabile da quella che abbiamo appena subito” afferma Fabrizio Pregliasco, virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano.

“L’impatto che la prossima stagione influenzale potrà avere sulla popolazione, sarà legato al raggiungimento delle quote di copertura vaccinale che quest’anno hanno subito una battuta d’arresto, con un conseguente aumento sostanziale del numero dei cittadini costretti a letto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: