Patologie cardiache: un amminoac…

Un molecola "sentinella" …

Emorragia subaracnoidea, fumo e …

Il fumo, la pressione alt…

Sindrome da deficit di attenzion…

La sindrome da deficit di…

Ansia: scoperta una sostanza dir…

[caption id="attachment_6…

Uso delle cellule staminali per …

Nel campo della Medicina …

Longevità: sono i telomeri a det…

Una  ricerca sul diamante…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Fare rete per fare innovazione n…

Giovedì 22 settembre, per…

TBC: vicini alla realizzazione d…

Scoperto un nuovo po…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Giornata Mondiale per l’Igiene delle Mani: Celiachia e consigli anticontaminazione

scharIl 5 maggio è la Giornata Mondiale per l’Igiene delle mani.
Prima della Teoria dei Germi, sviluppata nella seconda metà dell’ ‘800, non c’era grande attenzione per l’igiene della mani: a nessuno sarebbe venuto in mente di dire “lavati le mani prima di andare a tavola” o “non toccarti con le mani sporche”!

Oggi per fortuna siamo ben consapevoli dell’importanza della pulizia, tanto che è stata istituita una giornata mondiale e sul sito del Ministero della Salute esistono pagine dedicate (ad esempio www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=dossier&p=dadossier&id=21).

Ma ci rendiamo sempre conto del potere contaminante delle nostre mani?
Esiste un caso in cui una mancanza apparentemente banale può rivelarsi pericolosa: quando, cioè, si cucina senza glutine!

E’ molto importante che chi cucina senza glutine non contamini i piatti con tracce di prodotti che invece lo contengono. Sono orme invisibili, che possono essere evitate con considerazione e precauzioni adeguate.

Ecco quindi alcune indicazioni per evitare la contaminazione in cucina:

  • Mani (naturalmente) – quando si prepara un piatto senza glutine, le mani devono essere assolutamente pulite.
  • Distanze – tenere a distanza gli alimenti con e senza glutine, per evitare rischi di contaminazione
  • Utensili – meglio non usare quelli in legno, che essendo un materiale poroso trattiene più facilmente tracce di glutine.
  • Forno isolare gli alimenti dalle superfici con della carta da forno oppure con le apposite teglie
  • Stoviglie – il glutine è una sostanza che viene definita appiccicosa e difficile da togliere dalle stoviglie, ma è sufficiente lavare piatti, bicchieri e posate con un normale detersivo o un ciclo di lavastoviglie.

 

Hotel, ristoranti e Bed&Breakfast devono seguire norme specifiche elencate sul sito dell’AIC, l’Associazione Italiana Celiachia (www.celiachia.it/dieta/Dieta.aspx?SS=95&M=519).

Per scegliere locali e rivenditori gluten free, potete affidarvi all’app GlutenfreeRoads (www.glutenfreeroads.com/it/).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: