Cancro: sempre più emancipate le…

È attualmente in corso un…

DNA: un libro che parla di lotte…

Una lotta lunga 175 m…

Innovativo il PCA3, test molecol…

Il PCA3 è un nuovo test g…

Prossimo arrivo di un test low c…

[caption id="attachment_9…

Tumori: acceleratore di particel…

La macchina può produrre …

Trigliceridi alti: una proteina …

[caption id="attachment_8…

[ESMO] Dalla ricerca dei tumori …

[caption id="attachment_6…

Cancro al rene: tre nuovi biomar…

Tre biomarker per una d…

Bendaggio gastrico: efficace in …

Un paziente su quattro, d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disturbi cardiaci: tendenza delle donne è trascurarne i sintomi

Le donne sono meno propense degli uomini a notare i sintomi di un disturbo cardiaco perche’ non si rendono conto di essere a rischio.


Questo significa che sono piu’ attente al controllo dei seni, che al colesterolo o alla pressione sanguigna, e hanno quindi piu’ probabilita’ di morire in seguito a un infarto. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio del Paris Cardiovascular Research Centre, presentato all’European Society of Cardiology Congress a Londra.   I ricercatori hanno analizzato i dati di 11.420 persone che hanno sofferto di arresto cardiaco. Il tasso di sopravvivenza pre-ospedaliero per le donne e’ stato del 18 per cento rispetto al 26 per cento degli uomini, mentre l’angioplastica e’ stata eseguita sul 26 per cento delle donne contro il 36 per cento degli uomini.

Questo significa che, non sono solo le donne a sottovalutare il proprio rischio, ma anche i medici. “Quando le donne hanno un attacco di cuore – ha commentato Carlo Di Mario, cardiologo al Royal Brompton Hospital di Londra, in un articolo del Daily Mail – sono in genere piu’ anziane e tendono ad essere piu’ spesso diabetiche, entrambi fattori che aumentano il rischio di mortalita’.

Queste sono ovviamente condizioni pre-esistenti che non possono essere modificate anche con un trattamento migliore. Questi fattori, tuttavia, non sono probabilmente l’unica ragione per la mortalità elevata. La comunita’ medica deve ancora decidere quanto di questo squilibrio di genere nell’angioplastica sia dovuto alle caratteristiche intrinseche all’interno della popolazione femminile o a un atteggiamento sbagliato dei medici”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!