La peridurale altera i ritmi del…

L'anestesia peridurale ac…

Paradontiti curate con cellule s…

Denti a rischio caduta pe…

Con padre anziano figli più espo…

I padri che concepiscono …

‘Bisturi In Fuga’, Anche I Chiru…

Nel 2024 Mancheranno I Ch…

Mastectomia: le staminali impieg…

Non è un trauma che lasci…

Tumori: la fluorescenza segnaler…

Le cellule cancerose resi…

Papilloma virus a rischio cancro…

La campagna avviata nel 2…

Nuovo metodo di coltura delle st…

[caption id="attachme…

Dolore umano: identificato nuovo…

[caption id="attachment_1…

Sindrome TAR: bassi livelli di p…

Un team europeo di scienz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Lettera Esperti a Ministro Lorenzin su casi di morti materno-fetali

Riceviamo e pubblichiamo

siset
Bergamo, 4 gennaio 2016
Alla C.A. del
Sig. Ministro della Salute Beatrice Lorenzin

Egregio Sig. Ministro,
le recenti morti materno-fetali avvenute nel nostro Paese hanno suscitato una reazione mediatica talvolta fuorviante e potenzialmente pericolosa per le donne stesse. Ad esempio, in un’intervista pubblicata ieri su la Repubblica i test di trombofilia ereditaria vengono definiti come “salvavita” se eseguiti alle donne in gravidanza ed il Ministero della Sanità viene definito inadempiente perché non paga tali test (molto costosi) di routine. Nonostante sia vero che le complicanze ostetriche, inclusa la morte fetale, possano talvolta essere causate da alcune alterazioni del sangue che aumentano il rischio trombotico, non è altrettanto vero che i test di trombofilia ereditaria siano utili nel prevenirle. Nè men che meno, il trovare uno di questi test positivi giustificherebbe un intervento con farmaci antitrombotici. Come sostengono linee guida di società scientifiche nazionali e internazionali, la donna in gravidanza non deve diventare oggetto di esami e terapie che non sono basati sull’evidenza e non danno alcuna garanzia di migliorare l’andamento della gravidanza né di prevenire la morte fetale. Vi sono inoltre criteri clinici, che vanno considerati e che possono guidare la scelta di solo pochi test e solo in casi (rari) selezionati, ma anche questo non va considerato come un salvavita.
Ringraziando per l’attenzione che vorrà dedicare a queste note, Le invio cordiali saluti,
Anna Falanga,
Ospedale Papa Giovanni XXIII Bergamo Presidente SISET
a nome di esperti:
Ida Martinelli, Fondazione Ca’ Granda – Ospedale Maggiore Policlinico, Milano;
e del Comitato Esecutivo SISET:
Walter Ageno, Ospedale Fondazione Macchi, Varese;
Giancarlo Castaman, Università Policlinico Careggi, Firenze;
Armando D’Angelo, Ospedale IRCCS San Raffaele, Milano;
Giovanni Davì, Università di Chieti, Chieti;
Maurizio Margaglione, Università di Foggia, Foggia;
Sophie Testa, Istituti Ospitalieri, Cremona

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi