Una giornata con l'AME per prote…

L’Associazione Medica Ebr…

Alzheimer: buone dosi di vitamin…

Forti dosi quotidiane…

Malattie coronariche aggravate d…

La carenza di vitamina D …

Vaccino sperimentale contro Ebol…

[caption id="attachment_7…

La conseguenza del dolore cronic…

Quasi 1 paziente su 2…

Tumore al colon: completato il r…

Completato il reclutament…

Studio clinico osservazionale su…

Ricerca italiana: present…

Litio, in grado di ripristinare …

I deficit cognitivi assoc…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

I Nobel per la medicina o la fis…

[caption id="attachm…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il Senato approva il DdL Lorenzin: un significativo passo avanti per le professioni sanitarie

FofiRoma, 24 maggio 2016 – “Va sottolineata l’importanza del traguardo raggiunto oggi al Senato con l’approvazione del cosiddetto Decreto Lorenzin.  Le norme che determinano la natura e la vita delle Professioni sanitarie, e delle loro rappresentanze erano rimaste sostanzialmente immutate dal 1946, e non era più differibile un intervento di aggiornamento” dice il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti, Senatore Andrea Mandelli.


“Innanzitutto era doveroso riconoscere lo status di professione sanitaria a figure che ormai sono parte integrante del processo di cura e tutela della salute, come i biologi, i fisici, i chimici e altri ancora, così come l’istituzione di nuove professioni come quella di chiropratico e di agopuntore. E’ importante per chi esercita queste attività, ma anche e soprattutto per la tutela dei cittadini che usufruiscono delle loro prestazioni.

E a questo proposito non può sfuggire a nessuno che con l’accorpamento al provvedimento della modifica del Testo unico delle Leggi sanitarie, che avevo proposto con un disegno di legge, oggi è possibile far esercitare nella farmacia gli altri professionisti sanitari, con l’ovvia eccezione di quelli abilitati alla prescrizione.  Questo significa poter finalmente dare vita ai centri polifunzionali previsti dal modello della farmacia dei servizi”.  Diverse misure vanno poi a semplificare e rendere meno onerosa la vita degli Ordini. 

“Tutto questo” conclude Andrea Mandelli “deve essere un motivo di soddisfazione per i professionisti della salute italiani”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!