Tentazioni multicellulari dell'a…

La scoperta contribuisce …

Morti da "sangue infetto": ripar…

Roma, 10 luglio 2014. La …

Medulloblastoma: scoperte le mut…

E’ la neoplasia cerebrale…

Mielina: nuovo studio rileva com…

La scienza ha sinora ipot…

La dislessia si manifesta anche …

Il disturbo non riguarda …

Metodo Stamina, Nanni Costa, fuo…

I trattamenti con cellul…

Osteoporosi: scoperta una protei…

[caption id="attachme…

Allergie: occhio a quelle "nasco…

Per i pazienti allergici …

Degenerazione maculare senile: l…

Un uso regolare di aspiri…

Informatica usa come modello il …

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: una singola dose di un nuovo composto, a basso dosaggio, riesce a bloccare l’infezione

Un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology e di Harvard ha individuato un nuovo composto in grado di bloccare la malaria se somministrato a basso dosaggio e con una singola dose.  Almeno e’ stato cosi’ nei topi su cui e’ stato testato. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature, hanno infatti mostrato che una singola dose ha impedito l’infezione per tutti i 30 giorni di durata dello studio. Un singolo e basso dosaggio di un composto e’ in grado di bloccare la malaria. Il composto sembra abbia combattuto precocemente l’infezione nel fegato, cosi’ come i parassiti della malaria che circolavano nel sangue.

I ricercatori sperano che il loro lavoro possa portare a breve a nuovi farmaci da mettere a disposizione delle persone. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanita’, nel 2015, ci sono stati 214 milioni di nuovi casi di malaria e 438mila morti per la malattia.

Oltre a evitare le punture di zanzare infette con l’aiuto di insetticidi e zanzariere, le persone possono proteggersi dalla malaria prendendo i farmaci antimalarici. Ma i trattamenti attualmente esistenti non sono perfetti: hanno bisogno di essete assunti in dosi ripetute e i parassiti responsabili della malaria stanno iniziando a sviluppare la resistenza a questi farmaci.

Ora i ricercatori hanno individuato un composto promettente in un database con oltre 100mila composti. Il composto trovato agisce su un enzima chiamato fenilalanil-tRNA e sembra in grado di eliminare i parassiti prima che si moltiplichino a dismisura nel fegato e nel sangue. Lo studio e’ stato finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!