Una patch di muscoli per riparar…

[caption id="attachment_2…

Origami "a DNA" contro cellule c…

Creata grazie alla tecnic…

La terapia cellulare guarisce u…

[caption id="attachme…

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

Leucemia: primi risultati con la…

"Una sorta di 'super …

Fegato ottenuto da staminali rip…

Un 'fegato rudimentale', …

Intervento SIN (Societò Italiana…

L’evento accaduto press…

Tumori al fegato: ultrasuoni per…

I tumori del fegato pos…

Cancro del seno: in un futuro pr…

Ottobre è il mese di cons…

MENOPAUSA, ORMONI E CERVELLO

L’uso prolungato di ormon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie dell’intestino, stop alle infiammazioni con l’interferone di tipo III

Sono gli interferoni di tipo III a ridurre le patologie infiammatorie dell’intestino. Lo rivela uno studio realizzato da Ivan Zanoni e Francesca Granucci del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Università di Milano-Bicocca insieme alla Harvard Medical School di Boston e appena pubblicato sulla rivista Nature Immunology.

Milano, 6 settembre 2017 – È grazie agli interferoni di tipo III che il nostro sistema immunitario riesce a limitare i processi infiammatori che avvengono a livello dell’intestino e i danni tissutali che ne conseguono.

Questo il risultato della ricerca coordinata da Ivan Zanoni e Francesca Granucci, rispettivamente ricercatore e docente di patologia generale presso il Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con Achille Broggi, ricercatore dell’Harvard Medical School presso il Boston Children’s Hospital, Divisione di Gastroenterologia, e appena pubblicata sulla rivista Nature Immunology.

Le malattie infiammatorie dell’intestino, come la colite ulcerosa o la malattia di crohn, che in inglese prendono nome di Inflammatory Bowel Diseases (IBD), sono patologie che si sviluppano quando il sistema immunitario si attiva in modo inappropriato nei confronti del microbiota (insieme dei microrganismi che convivono con il nostro organismo senza danneggiarlo) causando infiammazione e danno ai tessuti.

Per la prima volta, lo studio ha dimostrato che gli interferoni di classe III modificano direttamente l’attività dei neutrofili, importanti fagociti del sistema immunitario che, tra le numerose funzioni, svolgono un ruolo chiave durante lo sviluppo delle malattie infiammatorie dell’intestino.

Si è infatti notato che mentre l’assenza o il blocco degli interferoni di tipo III comporta un aumento del processo infiammatorio dell’intestino e del danno tissutale, la loro presenza riduce la produzione di radicali liberi da parte dei neutrofili stessi, riducendo di conseguenza i danni a livello dei tessuti.

Realizzato su modelli animali e in cellule umane, lo studio ha dimostrato il ruolo fondamentale degli interferoni di classe III nel combattere lo sviluppo delle malattie infiammatorie dell’intestino.

«La nostra scoperta apre al possibile utilizzo degli interferoni di tipo III come potenziali agenti terapeutici per curare le malattie infiammatorie dell’intestino – spiega Ivan Zanoni, uno dei principali autori della ricerca e che attualmente svolge parte della sua ricerca presso la Harvard Medical School – Queste malattie sono in continuo aumento e solo in Italia affliggono centinaia di migliaia di persone. In passato si era tentato di utilizzare in clinica gli interferoni di tipo I, ma con scarso successo. Il nostro lavoro ha dimostrato invece che quelli di tipo III agiscono in modo molto piu’ selettivo e vanno a ridurre l’attivita’ infiammatoria di specifiche cellule coinvolte nelle malattie infiammatorie intestinali. Ulteriori ricerche sono gia’ iniziate per confermare le proprieta’ terapeutiche di questi interferoni».

«Il nostro lavoro – aggiunge Francesca Granucci –  oltre ad un possibile utilizzo terapeutico degli interferoni di tipo III, apre importanti prospettive dal punto di vista della ricerca di base. Abbiamo infatti scoperto un meccanismo unico con cui questa classe di interferoni svolge le proprie funzioni anti-infiammatorie. L’identificazione di tutti gli altri  componenti molecolari richiesti affinchè gli interferoni di tipo III possano svolgere la propria attività è un campo di ricerca molto aperto su cui investiremo energie e risorse nei prossimi anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: