Staminali: metodo che isola cell…

Sviluppato un nuovo metod…

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Scoperto il 'turbo' molecolare c…

[caption id="attachment_5…

Importante studio sull’origine a…

[caption id="attachment_6…

Smettere di fumare regala alle d…

Lo afferma una ricerca su…

Urologia: per gli uomini si cons…

Appello degli urologi agl…

Divieto di fumo: sta riducendo c…

Il divieto di fumare nei…

Una proteina regolatrice della p…

[caption id="attachme…

Tessuto vascolare rigenerato con…

[caption id="attachme…

Scienziati europei rivelano i se…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Coronavirus: le frequenti mutazioni che rendono più veloce il contagio

Il coronavirus subisce mutazioni genetiche molto frequentemente e grazie a queste riesce a diffondersi con facilità. Lo indica l’analisi di 442 sequenze genetiche del virus contenute nella banca internazionale Gisaid e pubblicata sul sito ArXiv dal matematico Changchuan Yin, dell’Università dell’Illinois a Chicago.

Si tratta, scrive il ricercatore, di “poche mutazioni molto frequenti nel genoma del SarsCoV2”, che “potrebbero essere associate a cambiamenti nella trasmissibilità e nella virulenza” e che “potrebbero essere correlate con la severità dell’infezione in Europa”.

Le mutazioni principali riguardano quattro proteine fondamentali del coronavirus, fra le quali la proteina S, l’artiglio biochimico che permette al SarsCoV2 di aggredire le cellule del sistema respiratorio umano. Le altre proteine coinvolte sono la polimerasi, la primasi e la nucleoproteina, tutte e tre fondamentali per la replicazione del virus. Conoscere queste mutazioni è molto importante in quanto si tratta di quattro bersagli di possibili e farmaci e dei vaccini anti Covid-19.

Archivi