Scoperto come lo stress cronico …

Lo stress cronico dannegg…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

Inibitori gamma secretasi - usat…

[caption id="attachment_1…

Novità e soluzioni d’avanguardia…

Roma, 24 Marzo 2015 – Si …

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Celiachia: un aiuto a contrastar…

[caption id="attachme…

“Il dolore ha bisogno di cultura…

Informare i cittadini pie…

Costipazione da oppiodi: colpisc…

La costipazione indotta d…

Non e' il virus XMRV legato alla…

[caption id="attachment_1…

L'integrita' della pelle e' il p…

Qualcuno la definisce un’…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[video] I funghi: rebus biologico per i ricercatori

L’altra faccia dei funghi. Non solo causa del 70% della malattie patogene per l’uomo, ma anche un rebus biologico che tiene in scacco gli scienziati. Che adesso sembrano aver risolto almeno in parte uno dei misteri sul loro sviluppo. Tutto grazie ad un microscopio hi-tech che ne ha ripreso e fotografato la crescita ogni 30 secondi per sei ore.

I ricercatori, il cui studio (insieme ai filmati) è stato pubblicato su Molecular Biology puntano a comprendere come neutralizzare i meccanismi utilizzati per nutrirsi dalle specie patogene, quelle che provocano micosi negli uomini e nelle piante


. E per far questo i ricercatori guidati da Brian Shaw del Texas AgriLife Research hanno analizzato ogni scatto. Il filmato di un Aspergillus nidulans mostra uno degli organelli fondamentali, l’ife o micelio, che si allunga internamente ed esternamente per creare dei canali di passaggio simili a dei dirigibili, adoperati per trasportare il nutrimento all’interno delle cellule.

Sul sito della rivista (http://www3.interscience.wiley.com/journal/119409055/suppinfo) è possibile scaricare i video della scoperta. “Per 50 anni si credeva che l’ife crescesse soltanto verso l’esterno”, dice Shaw spiegando il processo definito esoticosi. “C’è invece una regione della cellula – continua – che dirige il materiale verso l’interno”, secondo lo schema dell’endocitosi.

Se in futuro, commentano i ricercatori, si riuscisse a controllare questo duplice meccanismo si potrebbero trovare modi più efficaci per guarire del tutto le malattie dermatologiche legate al parassita. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: