Sette sono le ore per un sonno p…

[caption id="attachment_8…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Genoma: nuovo metodo per monitor…

Un team di ricercator…

ESMO 2012 - "CA polmonare: benef…

  Afatinib*: beneficio s…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Trapianto di fegato: un modello …

Ricercatori dell'universi…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Retinoblastoma: a Siena protocollo terapeutico per la cura, con risultati positivi

Sta dando risultati positivi il protocollo messo in atto dall’azienda ospedaliera delle Scotte di Siena per la cura del retinoblastoma, un tumore dell’occhio che colpisce i bambini nei primi tre anni di vita, considerato una malattia rara. Con questa nuova terapia, salvati oltre il 50% degli occhi. In cura nella Citta’ del Palio, oltre l’85% dei casi italiani. “L’ultima terapia che abbiamo introdotto, la chemio intra arteriosa, ha permesso di salvare oltre il 50% degli occhi che in passato era destinato all’enucleazione” spiega Doris Hadjistilianou, responsabile del centro retinoblastoma dell’unita’ operativa di oculistica del policlinico senese che oggi e’ considerato un punto di riferimento a livello nazionale.


Dei quasi 40 nuovi casi all’anno in tutta Italia oltre l’85% sono curati a Siena, nel reparto di Oftalmologia del policlinico delle Scotte. Oltre a pazienti italiani a Siena arrivano per essere curati anche dai paesi balcanici, dell’est e anche da Spagna e Marocco. E proprio per fare il punto della ricerca e cura della malattia venerdi’ si terra’ a Siena il congresso europeo “Ocular Oncology Day – Retinoblastoma guidelines. “Da cui vogliamo che escano linee guida per la diagnosi e la terapia a livello europeo” precisa Hadjistilianou – a supporto non solo per una migliore assistenza verso i bambini, ma anche per una interazione dei centri di alta specialita’ europei e mondiali con i quali collaboriamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: