Mucca pazza: pronto il primo tes…

A opera di un gruppo di s…

Un progetto europeo dedicato al …

[caption id="attachment_9…

Varianti genetiche definiscono l…

[caption id="attachment_6…

La formazione del calice ottico

Lo studio in vitro ha per…

Statine utili anche per combatte…

Le statine, i farmaci usa…

Si può vivere con un solo emisfe…

[caption id="attachment…

Tumore colon retto: bassa l'ades…

TUMORE DEL COLON RETTO:…

Nuova opportunità terapeutica pe…

PROGRESSI DELLA TERAPIA…

Nuovi riconoscimenti per la rice…

Roma, 29 aprile 2015 - Il…

Lesioni muscolari: individuati g…

Un nuovo studio effettuat…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

DNA presente nella saliva: identico come quantità al DNA presente nel sangue

Il prelievo di saliva potrebbe rappresentare una fonte meno dolorosa e piu’ conveniente per raccogliere Dna per la ricerca, rispetto al sangue. Sono queste le conclusioni a cui sono arrivati Robert Anthonappa, della University of Western Australia, e colleghi, in un recente studio pubblicato su Clinical Oral Investigations. “La saliva e’ una valida fonte di Dna umano che consente di effettuare studi genetici su larga scala”, scrivono i ricercatori. Il “gold standard” per la raccolta del Dna e’ da sempre il campione di sangue, ma non tutti i pazienti gradiscono. “Nei bambini e’ difficile prelevare il sangue”, dice Anthonappa.
“Non piacciono gli aghi, specialmente ai bambini piu’ piccoli”.

I tamponi nella guancia, invece sono un’alternativa valida, anche se si pensa che la quantita’ di Dna che viene recuperata e’ molto bassa rispetto a quello ottenuto dai campioni di sangue. Anthonappa e colleghi hanno allora raccolto campioni di sangue da 10 volontari e di saliva da altri 50. Gli scienziati hanno estratto il Dna immediatamente e poi in periodi di tempo diversi, dopo svariate condizioni di conservazione. I ricercatori hanno scoperto che la saliva era piu’ facile da conservare rispetto al sangue e aveva fornito quantita’ comparabili di Dna utile per la ricerca. Inoltre, mentre il sangue doveva essere mantenuto freddo e il Dna estratto entro 24 ore, la saliva poteva essere conservata a 37 gradi per 18 mesi senza alcuna perdita di Dna utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: