Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Procreazione assistita: in Itali…

In Italia c'e' una tenden…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Un farmaco anti-asma utile anche…

Il farmaco Amlexanox (nom…

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: combinazione di un farmaco per disfunzione erettile e anti-neoplastici elimina parte di cellule tumorali

La combinazione di farmaco antitumorale con uno per la disfunzione erettile e uno per i trapianti di cuore ha aiutato a eliminare le cellule tumorali e ha protetto cuore. Lo studio e’ stato presentato durante la Scientific Sessions dell’American Heart Association 2012. Per decenni, la doxorubicina e’ stata usata come potente anti-cancro per diversi tumori umani, compresi quelli al seno, alle ovaie, al colon e alla prostata.


Ma il suo uso e’ stato limitato a causa degli effetti collaterali nocivi, a volte irreversibili, sul cuore. In questo studio, utilizzando modelli cellulari e animali, i ricercatori della Virginia Commonwealth University School of Medicine di Richmond hanno scoperto che il sildenafil, da solo o in combinazione con la rapamicina (un immunosoppressore usato per prevenire il rigetto di organi trapiantati) ha migliorato significativamente le proprieta’ anticancro della doxorubicina, proteggendo il cuore. “Poiche’ il sildenafil e la rapamicina sono clinicamente approvati come farmaci che proteggono anche il muscolo cardiaco, abbiamo pensato che la loro combinazione con la doxorubicina avrebbe eliminato gli effetti collaterali cardiaci della doxorubicina migliorando ulteriormente la sua capacita’ di uccidere il cancro”, ha detto Rakesh Kukreja, coautore dello studio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!