Mastoplastica per fini estetici:…

[caption id="attachment_8…

Seno: conferma efficacia radiote…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer e infarto in comune po…

[caption id="attachment_1…

I batteri intestinali: studi rec…

La funzione di una flora …

Malattie rare: nuovo trial per l…

Dopo il recente annuncio …

Disturbi del comportamento alime…

Il Master di primo livell…

Sette anni di lavoro per il prim…

[caption id="attachment_1…

Sciroppo di acero massimizza eff…

Lo sciroppo d'acero, o me…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Raggi UV: il meccanismo di difes…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Domani la consegna degli AboutPharma Digital Awards 2016: 139 progetti in gara e grande attesa per la presentazione di Jordi Serrano, il “medico digitale” premiato dalle Nazioni Unite

Milano, 25 ottobre 2016 – Incidere effettivamente sul percorso di cura – dalla diagnosi alla terapia – ed essere un aiuto tangibile per il paziente. È questo l’obiettivo di fondo della “Digital Health” e anche, non a caso, il focus dell’edizione2016 degli AboutPharma Digital Awards, che saranno consegnati domani nel corso della tradizionale serata di gala dedicata all’assegnazione dei premi, contesi quest’anno da ben 139 progetti in gara.about_digitalCome sempre, le diverse categorie e i relativi riconoscimenti saranno la sintesi di ciò che possono esprimere, sul fronte dell’innovazione digitale, tutti i principali attori dell’Healthcare: aziende farmaceutiche e produttori di dispositivi medici, professionisti della salute, istituzioni sanitarie e organismi intermedi. Anche quest’anno un premio speciale sarà riservato alla Best Digital Company.

Quanto ai temi, i Digital Awards 2016 di AboutPharma saranno incentrati sulle tre parole d’ordine della sanità digitale del presente e del futuro: innovate, implement, impact. I primi due imperativi si aggiungono alla necessità di un effettivo ‘impact’, suggerito già nell’edizione dello scorso anno, a indicare la roadmap per un’evoluzione digitale di sicuro impatto: anzitutto il requisito dell’innovazione, per dar vita a servizi digitali che non siano la semplice trasposizione dematerializzata di utilità già fruibili offline, o comunque nel mondo fisico, ma rappresentino un surplus di accessibilità, di prossimità o di facilitazione rese possibili proprio dalle caratteristiche intrinseche del digitale; in secondo luogo il valore aggiunto dell’implementazione, ossia l’effettiva fruibilità dell’innovazione digitale e il suo inserimento armonico in un ecosistema di prodotti e servizi in grado di massimizzarne l’utilità pratica.

Come modello e sintesi di queste caratteristiche, in apertura della serata di assegnazione degli AboutPharma Digital Awards 2016,Jordi Serrano Pons, il medico che segue alcuni dei progetti di Digital Health dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e che ha sviluppato “Universal Doctor”, illustrerà in che modo questa applicazione, insignita del prestigioso United Nations World Summit Award, permetta ai pazienti di spiegare i propri sintomi a medici che parlando una lingua diversa, e consenta poi ai medici di suggerire diagnosi e trattamento “in tutte le lingue del mondo”: un esempio plastico di come la tecnologia digitale possa aiutare a polverizzare barriere altrimenti insuperabili, e a facilitare il percorso di cura nelle fasi cruciali della diagnosi e della spiegazione della terapia.


Rimozione delle barriere, grazie al digitale, che assume un valore simbolico ancor più rilevante in un’epoca caratterizzata, purtroppo, dalla creazione di steccati e nuovi muri, che finiscono sempre per penalizzare, anche dal punto di vista dell’assistenza sanitaria, i più deboli e i più indifesi. Lo stesso Serrano Pons, infatti, è attualmente impegnato nello sviluppo di “Zero Mothers Die”, un progetto volto a ridurre la mortalità materna a livello mondiale, facendo leva su un uso intelligente delle tecnologie.

Infine un’ulteriore testimonianza dell’evoluzione del ‘Digital’ in parallelo con lo sviluppo di internet e con la maggior consapevolezza degli utenti: il miglior progetto digitale premiato quest’anno da AboutPharma non sarà individuato in base al numero delle condivisioni e dei ‘like’ raccolti in Rete, ma secondo criteri di giudizio più controllati, espressi da un target di votanti ben profilati, che si sono registrati per esprimere la propria preferenza. Un segno che la Rete, nella sua apparente fluidità, sta maturando nel senso di un sempre più compiuto avvicinamento fra identità digitali e persone reali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: