Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

‘NOVAIR’ – Broncopneumopatia Cro…

Firenze 15-17 febbraio 20…

Citochine: alti livelli preditti…

Un gruppo di studiosi del…

La mappatura del genoma sul codi…

[caption id="attachment_8…

Ottenuti neuroni da staminali de…

[caption id="attachment_9…

Broncopneumatia cronico-ostrutti…

Attacchi di tosse, respir…

Test genetico per misurare incid…

[caption id="attachment_5…

Fertility day? Everyday…

Ogni giorno bisogna prend…

Helicobacter pylori: il suo mecc…

[caption id="attachment_8…

Ecco come la fotostatina miglior…

[caption id="attachment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ansia: scoperta una sostanza direttamente coinvolta

FGF2

FGF2

WASHINGTON – È stata scoperta una sostanza chimica collegata all’ansia: si tratta di un composto del cervello chiamato FGF2.

La ricerca, condotta dalla University of Michigan e pubblicata dal “Journal of Neuroscience”, mostra che l’ansia è inversamente proporzionale alla quantità di FGF2 (Fibroblast Growth Factor 2) presente nel cervello. L’FGF2 è una delle sostanze responsabili dello sviluppo cerebrale e delle riparazioni cellullari in caso di danneggiamento.

Javier Perez, responsabile della ricerca, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto una doppia relazione tra l’FGF2 e alcune molecole collegate allo sviluppo cerebrale. Il rapporto dipende in parte da fattori genetici collegati alla ansietà e in parte a fattori ambientali che condizionano le persone”.


Lo studio, condotto su 19 generazioni di topi, potrebbe portare alla creazione di medicinali alternativi ai comuni sedativi usati per l’ansia e la depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi