Approfondimento scientifico su c…

Fidia Farmaceutici ha osp…

Il 9 Febbraio la Prima Giornata …

In oltre 125 Paesi – tra …

Cancro al pancreas: vecchi farma…

Un farmaco impiegato per …

Vaccino anti-HIV, in Spagna vici…

Un nuovo vaccino in grad…

Amniocentesi: il salto alla sost…

La sfida per avere la cer…

Cure palliative d’eccezione al n…

Attivo dall’estate, il nu…

Un bio-gel per la rigenerazione …

[caption id="attachme…

Stamina Foundation richiede l'ur…

"Ho chiesto un incontro…

Morte cellule nervose: nuova luc…

[caption id="attachment_9…

Interruttore genetico femminile:…

Decidere di cambiare stat…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HCV: Arrivano gli anticorpi monoclonali umani

Anticorpo monoclonale

Anticorpo monoclonale

Boston, Mass. – Presa come obiettivo di studio la principale causa di insufficienza epatica negli Stati Uniti, un team di scienziati del Massachusetts Biologic Laboratories (MBL), della University of Massachusetts Medical School (UMMS) ha sviluppato un anticorpo monoclonale umano che neutralizza il virus dell’epatite C (HCV).  Il nuovo anticorpo ha efficacemente neutralizzato il virus in coltura, e , dopo, prevenire l’infezione da virus in una fase pre-clinica su una cavia da laboratorio.

I dettagli della ricerca sono stati presentati il 23 aprile a Copenaghen, in Danimarca al 44 ° Meeting Annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Fegato (EASL). “Siamo lieti dei progressi di questo programma”, ha detto Donna Ambrosino, MD, direttore esecutivo della MBL e un professore di pediatria presso il Medical School.  “Si vuol evideziare la significativa efficacia di anticorpi contro il virus”.


Nel corso dello studio, gli scienziati della MBL hanno contaminato topi transgenici (HuMAb Mouse ®, Medarex, Inc.)  con  l’HCV e successivamente hanno provato uno ad uno  anticorpi umani per i singoli topi, che riconoscono e si legano al rivestimento esterno del virus, nota come la glicoproteina.
Una volta trovati gli anticorpi umani che sembravano rispondere alle aspettative, sono state valutate in vitro le capacità di tali anticorpi di neutralizzare il virus, quindi  selezionato un candidato di anticorpi per condurre ulteriori sperimentazioni.  Tale lavoro, in collaborazione con i ricercatori clinici del Dipartimento di Medicina presso la Medical School di Worcester campus, ha dimostrato che questo anticorpo, ora noto come MBL-HCV1, è stato in grado di legarsi efficacemente con tutti i genotipi del virus HCV prelevati da campioni di pazienti infetti.

L’ MBL-HCV1 è stato poi testato off-site su tre primati non umani. In questo studio, un animale non ha ricevuto l’anticorpo, uno un basso dosaggio del nuovo anticorpo, e uno una dose maggiore. Successivamente tutti e tre gli animali sono stati esposti al virus.  Gli animali con un basso o nessun dosaggio di anticorpi hanno  sviluppato l’infezioni da HCV, ma l’animale con la dose più elevata è stato protetto dalla copertura degli anticorpi.  Successivamente, i ricercatori hanno somministrato un’alta dose di anticorpi all’animale che non ha inizialmente ricevuto nessun anticorpo, e in quel caso il virus è stato debellato.  “Questi risultati sono incoraggianti, come un possibile trattamento per i pazienti infetti da HCV, ma più lavoro deve essere fatto prima di sapere come sarà la sua efficacia  sulle persone,” il Dr. Ambrosino ha osservato.

L’HCV attacca il fegato e può portare ad insufficienza epatica.  A livello globale,  170 milioni di persone vivono con le complicanze del virus HCV.  Per i più gravi casi di HCV che non rispondono ai farmaci antivirali, il trapianto di fegato è l’unica opzione.

Poiché gli anticorpi monoclonali sono altamente specifici e di solito hanno pochi effetti collaterali (spesso nessun effetto), ulteriori dosi del nuovo anticorpo potrebbero, in teoria, essere somministrate immediatamente dopo un intervento chirurgico di trapianto per continuare la neutralizzazione di ogni residuo di virus.

E ‘anche possibile, i ricercatori teorizzano, che l’anticorpo possa essere utilizzato in combinazione con i nuovi farmaci antivirali per il trattamento in pazienti con nuova diagnosi di infezione da HCV. L’utilizzo del nuovo anticorpo per entrambi i pazienti sottoposti a trapianto di fegato ed in pazienti con nuova diagnosi di HCV sarà ulteriormente valutata.  La Fase 1 della sperimentazione clinica sull’uomo del MBL-HCV1 in soggetti sani, si prevede entro la fine di quest’anno.

http://www.umassmed.edu/index.aspx

http://www.kenes.com/easl2009/posters/Abstract310.htm

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!