Fecondazione selettiva: il primo…

Primi risultati positivi …

Il meccanismo di memoria delle c…

Quando una cellula "m…

HIV: Janssen annuncia due import…

Cologno Monzese, Milano, …

Da cellule adulte a staminali: c…

[caption id="attachment_6…

Fecondazione assistita: screenin…

Ridurre al minimo il risc…

IGIENE ORALE 3.0 Metodi E Nuovi …

Igiene Orale 3.0 è un nuo…

Cellule staminali che diventano …

Uno studio pubblicato sul…

Sindrome di Hunter: ritmi circad…

Nei pazienti affetti da …

La debolezza della cellula cance…

[caption id="attachment_8…

Naso umano: conosce circa un tri…

L'olfatto dell'uomo è mol…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La ribavirina contrasta la crescita tumorale

La struttura della ribavirina

La struttura della ribavirina

(AGI) – Washington, 14 mag. – Un comune farmaco antivirale, la ‘ribavirina'(attualmente impiegata nel protocollo di terapia per contrastare, abbinata all’interferone, la replicazione del virus HCV), puo’ essere utile per il trattamento dei pazienti affetti da cancro. Almeno questo e’ quanto ha annunciato un gruppo di ricercatori dell’Institute for Research in Immunology and Cancer (IRIC) dell’Universita’ di Montreal sulle pagine della rivista Blood dopo aver effettuato uno dei piu’ grandi esperimenti clinci di successo. La ‘ribavirina’ e’ risultata in grado di sopprimere l’attivita’ del gene ‘eIF4E’ nei pazienti. Questo gene e’ implicato nel 30 per cento dei tumori, compresi quelli al seno, alla prostata, alla testa, al collo, al colon e allo stomaco. “I nostri risultati – hanno spiegato i ricercatori – sono i primi ad aver dimostrati che colpire ‘eIF4E’ negli esseri umani puo’ portare benefici. Abbiamo scoperto che la ‘ribavirina’ non solo blocca ‘eIF4E’, ma non ha anche effetti (collaterali) sui pazienti”. Il prossimo passo dei ricercatori sara’ quello di superare la resistenza alla ‘ribavirina’ che l’organismo sviluppa con il tempo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!