Ustekinumab: nuovi risultati di …

I benefici di ustekinumab…

Vaccino HPV: secondo l'esperto v…

E' il solo tumore che sap…

Genoma Acropora millepora: in Au…

[caption id="attachme…

Retinite pigmentosa: negli USA i…

Roma, 4 gen. - Una terapi…

Aggiornamento della scheda tecni…

Protezione del rischio ic…

Caffeina per il Parkinson, sosta…

La caffeina potrebbe aiut…

Il ruolo della proteina tweek ne…

[caption id="attachme…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Calvizie: un supplemento di vita…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia acuta: due mutazioni geniche.

Leucemia linfoblastica

Leucemia linfoblastica

Ricercatori inglesi su Nature hanno annunciato la scoperta di una mutazione genetica che aumenta il rischio di leucemia nei bambini. Autori della scoperta un gruppo di ricercatori del St. Jude Children’s Research Hospital di Londra che avrebbero individuato due distinte mutazioni in altrettanti geni che favorirebbero lo sviluppo, nel corso della vita, della leucemia linfoblastica. Si tratta del primo studio che mostra la presenza di un fattore genetico nello sviluppo di questa terribile malattia che colpisce i bambini. Secondo i ricercatori guidati da Mary Relling i piccoli che sono portatori delle due varianti genetiche (ARID5B e IKZF1) hanno un rischio piu’ che doppio di sviluppare la leucemia.

“Le singole mutazioni – spiega la ricercatrice – da sole non bastano a far venire la malattia, che ha alla base diversi fattori, eppure questa scoperta ci fornisce seri strumenti per capire come questa evolva e soprattutto quali sono i piccoli a maggior rischio”.

Agi Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi