Artrite: identificato un inibito…

Individuato un inibitore …

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Cellule staminali: scoperto il g…

Scienziati americani …

Cellule staminali dal liquido am…

Il liquido amniotico po…

Lo schema di movimento dagli ani…

Nella ricerca di cibo, i …

L'eccesso alle cure innovative è…

Al contrario di quanto so…

Malaria: conoscere il ciclo ripr…

Esaminando il modo in cui…

Alzheimer: 60 anni di studi. Si …

[caption id="attachment_7…

‘Societal Impact of Pain 2011’ …

Bruxelles, 4 Maggio 2011 …

Pillola contraccettiva: compie m…

Mezzo secolo fa veniva ve…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia acuta: due mutazioni geniche.

Leucemia linfoblastica

Leucemia linfoblastica

Ricercatori inglesi su Nature hanno annunciato la scoperta di una mutazione genetica che aumenta il rischio di leucemia nei bambini. Autori della scoperta un gruppo di ricercatori del St. Jude Children’s Research Hospital di Londra che avrebbero individuato due distinte mutazioni in altrettanti geni che favorirebbero lo sviluppo, nel corso della vita, della leucemia linfoblastica. Si tratta del primo studio che mostra la presenza di un fattore genetico nello sviluppo di questa terribile malattia che colpisce i bambini. Secondo i ricercatori guidati da Mary Relling i piccoli che sono portatori delle due varianti genetiche (ARID5B e IKZF1) hanno un rischio piu’ che doppio di sviluppare la leucemia.

“Le singole mutazioni – spiega la ricercatrice – da sole non bastano a far venire la malattia, che ha alla base diversi fattori, eppure questa scoperta ci fornisce seri strumenti per capire come questa evolva e soprattutto quali sono i piccoli a maggior rischio”.

Agi Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!