Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

INAUGURATO CENTRO STUDI DI NEUROIMAGING

immagini repertorio

immagini repertorio

Bosisio Parini, 26 settembre. All’IRCCS “Eugenio Medea” di Bosisio Parini (Lc), è stato oggi inaugurato il nuovo centro studi di Neuroimaging dell’età evolutiva CeSNE, dotato di  un’apparecchiatura di risonanza magnetica funzionale ad altissimo campo (3 Tesla di campo magnetico contro la media nazionale di 2 Tesla), la prima in Italia con una una bobina a 32 canali.
La nuova macchina verrà utilizzata per lo studio delle patologie del sistema nervoso centrale dell’infanzia.

All’inaugurazione erano presenti il Presidente Roberto Formigoni, che ha ricordato gli ingenti investimenti degli ultimi anni della Regione Lombardia per l’ammodernamento strutturale e tecnologico: “Questo sforzo della sanità regionale si traduce in una capacità produttiva che – come dimostrano gli oltre mille bambini ricoverati ogni anno nel Polo di Bosisio e i 1.700 progetti riabilitativi individuali offerti annualmente – consente di far fronte alle necessità cliniche sia dei cittadini lombardi che dei cittadini provenienti dalle altre regioni e dall’Europa. A questi investimenti finalizzati allo sviluppo delle strutture e delle apparecchiature sono stati affiancati quelli diretti alle risorse umane che, non a caso, hanno consentito al Medea un rilevante incremento degli indici (impact factor) di produzione scientifica e la sempre più frequente pubblicazione sulle più qualificate riviste a livello internazionale (+51% nell’ultimo biennio)”.

Nereo Bresolin, Direttore Scientifico dell’Istituto, ha evidenziato i principali campi di applicazione dove la risonanza, con la genetica e la clinica, può aprire nuovi orizzonti per la diagnosi e la cura dei piccoli pazienti: dallo studio delle malattie neuromusocalri a quello degli stati vegetativi, dell’autismo, dei disturbi del linguaggio, delle epilessie…. “Nel vasto campo delle patologie rare possiamo studiare situazioni cliniche complesse, interfacciando direttamente le alterazioni genetiche in gioco e le immagni che documentano le loro correlazioni con deficit di funzionamento cerebro-corticale o con le alterazioni che si riscontrano sul piano anatomico”.

“Il nostro lavoro verrà ulteriormente potenziato dall’integrazione con le attività di imaging già presenti presso gli altri nostri centri – ha sottolineato il Presidente del Medea Domenico Galbiati – siamo in rete con l’IRCCS Stella Maris di Pisa per l’installazione del primo apparecchio 7 Tesla in Italia, e abbiamo appena inaugurato una risonanza a 3 Tesla con l’ospedale di Udine”.

Sono quindi intervenuti il responsabile del CeSNE Fabio Triulzi, che ha spiegato le potenzialità del nuovo centro e Michela Tosetti, dell’IRCCS Stella Maris.
Soddisfatto del risultato degli investimenti fatti per la nuova risonanza dalla Fondazione Cariplo, il Presidente Giuseppe Guzzetti ha esortato le istituzioni a fare la loro parte, mentre il Presidente della Camera di Commercio Vico Valassi ha evidenziato come il Medea sia una risorsa per il territorio lecchese.

Ha chiuso i lavori il Vicario episcopale per la cultura della Diocesi di Milano Mons. Franco Giulio Brambilla, con la domanda Perchè la scienza ha bisogno della carità? “La carità non ha paura della scienza e della tecnica, ma chiede alla tecnica non solo di “saper-fare”, ma esige un “fare sapiente”, che porti allo sviluppo della conoscenza scientifica e tecnica, che non miri solo alla salvaguardia della vita (cosa necessaria, ma non sufficiente), bensì anche a tutte le condizioni che la rendono vita “buona”. Si deve però aggiungere: “bisogna fare bene proprio il ‘bene’ “, cioè donare con competenza quel bene che i nostri bimbi chiedono. Noi potremmo accudirli alla perfezione, senza donare loro la presenza, l’affetto, la prossimità, il tempo, il sorriso, una carezza, la tenerezza di cui sono avidi. La sanità non ha bisogno solo di luoghi di eccellenza come questo, ma necessita anche dell’eccellenza delle buone relazioni, delle storie condivise, del clima in cui si cresce, del rinnovamento della persona e della società. Mi piace dirlo in modo semplice: oggi mentre inauguriamo uno strumento diagnostico di grande impatto terapeutico, sentiamo tutta la sfida di darvi il plusvalore contenuto nel nostro nome: La Nostra Famiglia. Perché sia anche la “vostra”!

Cristina Trombetti
Ufficio Stampa  Ass. La Nostra Famiglia – I.R.C.C.S. “E.Medea”
Via don Luigi Monza, 20   –   23842 – Bosisio Parini  (Lc)  
Tel/fax  n 031.877.384 – cell. 339 2160292
http://www.emedea.itwww.lanostrafamiglia.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!