Melanoma: la crescita intermitte…

[caption id="attachment_7…

Cellule in 3D

Anche nella fisica ottica…

Telewellness: un progetto iHealt…

L’uomo al centro della te…

Igroma cistico: la genetica in s…

Un test genetico cons…

Déjà-vu: spiegato il fenomeno se…

Quante volte pensiamo di …

Come le renne vedono ultraviolet…

L'occhio umano percepisce…

Igiene orale: i batteri possono …

Non lavarsi i denti può f…

CCSVI nella sclerosi multipla: N…

Sei mesi dopo l'operazion…

Artrite: identificato un inibito…

Individuato un inibitore …

La fibrillazione atriale e la co…

La fibrillazione atriale,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Superare la resistenza agli antibiotici conoscendo i meccanismi di difesa dei batteri

Staphilococcus aureus

Staphilococcus aureus

Un nuovo composto è in grado di bloccare un particolare stadio dello sviluppo della superficie della cellula batterica che finora non era mai stato utilizzato come bersaglio dagli antibiotici

La resistenza agli antibiotici rappresenta un problema sanitario significativo da più di un decennio. Ma, a dispetto della necessità di nuove opzioni terapeutiche, negli ultimi 40 anni sono state sviluppate solo due nuove classi di antibiotici.

Ora una promettente scoperta dei ricercatori della McMaster University di Hamilton, nell’Ontario, Canada, ha individuato un punto di partenza per nuovi interventi sulle infezioni resistenti.

Il gruppo della McMaster University guidato da Eric Brown, professore del Dipartmento di biochimica e scienze biomediche, ha utilizzato una particolare tecnica di screening su un gran numero di molecole per riuscire a individuare quelle in grado di uccidere i batteri e per studiare successivamente i meccanismi biochimici in virtù dei quali ciò avviene.

Grazie anche alla collaborazione con i colleghi del DeGroote Institute for Infectious Disease Research della stessa università si è così riusciti a identificare un promettente composto chimico, denominato MAC13243.

Gli antibiotici convenzionali distruggono i batteri bloccandone la produzione della membrana cellulare, del DNA o delle proteine: l’MAC13243 è in grado di bloccare un particolare stadio dello sviluppo della superficie della cellula batterica che finora non è mai stato utilizzato come bersaglio dei composti antibiotici.

“Siamo molto soddisfatti del risultato”, ha commentato Brown, primo autore di un articolo di resoconto apparso sulla rivista “Nature Chemical Biology. “Aver trovato un nuovo bersaglio terapeutico in una parte finora non sfruttata della fisiologia batterica consente di affrontare il problema in modo del tutto innovativo: poiché è in grado di colpire batteri resistenti ai farmaci in un modo differente rispetto a quanto fanno gli antibotici, il nuovo composto potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per superare la resistenza di alcuni tipi di microrganismi.”


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x