Tumori della testa e al collo: s…

Merck Serono: Cetuxim…

Melanoma: un microscopio dalla G…

Un team di ricercatori te…

Citomegalovirus: individuata str…

Grazie alla spettrometria…

Virus epatite C: terapia antivir…

IMPORTANTE: testo in due …

Ipnosi: tecnica estendibile anch…

Paziente 'in trance',…

Epatite C: gli esperti consiglia…

Trattare tutti i pazienti…

SLA: continua la sperimenazione …

Prosegue la sperimentazio…

Cervello: trovato un nesso tra m…

Un gruppo di scienziati d…

“Non lasciare che la psoriasi ti…

·  L’iniziativa, patrocin…

Cecità simulata, per recuperare …

La cecita' "simulata" pot…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Superare la resistenza agli antibiotici conoscendo i meccanismi di difesa dei batteri

Staphilococcus aureus

Staphilococcus aureus

Un nuovo composto è in grado di bloccare un particolare stadio dello sviluppo della superficie della cellula batterica che finora non era mai stato utilizzato come bersaglio dagli antibiotici

La resistenza agli antibiotici rappresenta un problema sanitario significativo da più di un decennio. Ma, a dispetto della necessità di nuove opzioni terapeutiche, negli ultimi 40 anni sono state sviluppate solo due nuove classi di antibiotici.

Ora una promettente scoperta dei ricercatori della McMaster University di Hamilton, nell’Ontario, Canada, ha individuato un punto di partenza per nuovi interventi sulle infezioni resistenti.

Il gruppo della McMaster University guidato da Eric Brown, professore del Dipartmento di biochimica e scienze biomediche, ha utilizzato una particolare tecnica di screening su un gran numero di molecole per riuscire a individuare quelle in grado di uccidere i batteri e per studiare successivamente i meccanismi biochimici in virtù dei quali ciò avviene.

Grazie anche alla collaborazione con i colleghi del DeGroote Institute for Infectious Disease Research della stessa università si è così riusciti a identificare un promettente composto chimico, denominato MAC13243.

Gli antibiotici convenzionali distruggono i batteri bloccandone la produzione della membrana cellulare, del DNA o delle proteine: l’MAC13243 è in grado di bloccare un particolare stadio dello sviluppo della superficie della cellula batterica che finora non è mai stato utilizzato come bersaglio dei composti antibiotici.

“Siamo molto soddisfatti del risultato”, ha commentato Brown, primo autore di un articolo di resoconto apparso sulla rivista “Nature Chemical Biology. “Aver trovato un nuovo bersaglio terapeutico in una parte finora non sfruttata della fisiologia batterica consente di affrontare il problema in modo del tutto innovativo: poiché è in grado di colpire batteri resistenti ai farmaci in un modo differente rispetto a quanto fanno gli antibotici, il nuovo composto potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per superare la resistenza di alcuni tipi di microrganismi.”


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi